Annunciata una campagna di disobbedienza civile in Costa d’Avorio

Pubblicato il 21 settembre 2020 alle 19:51 in Africa Costa d'Avorio

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un gruppo di partiti di opposizione hanno lanciato una campagna di disobbedienza civile per fermare la candidatura dell’attuale presidente della Costa d’Avorio, Alassane Ouattara, per un terzo mandato. 

L’elezione è considerata uno dei più grandi test per la stabilità della nazione dell’Africa Occidentale e il Consiglio costituzionale della Costa d’Avorio ha autorizzato Ouattara, l’ex presidente Henri Konan Bedie e altri due candidati a partecipare alla competizione, presentandosi alle elezione. Quindi, il 20 settembre, Bedie ha parlato di fronte ai sostenitori del partito dell’opposizione, il PDCI, ad Abidjan, affermando che le fazioni si stavano unendo per fermare la candidatura del terzo mandato di Ouattara. “Sta a noi, alla luce di tutto ciò che è stato detto qui, proteggere la stabilità della nazione”, ha dichiarato Bedie, aggiungendo che di fronte alla persistenza di Ouattara, era rimasto un solo slogan, “disobbedienza civile”. Similmente, l’ex leader dei ribelli ed ex premier, Guillaume Soro, ha avvertito la comunità internazionale che la Costa d’Avorio è in un Paese in bilico. Il 17 settembre, l’ex leader dei ribelli ha dichiarato di continuare a considerarsi un candidato e si è scagliato contro quello che ha definito un piano per l’elezione del 78enne Ouattara come presidente. “La mia candidatura è ferma, immutabile e irrevocabile”, ha riferito Soro ai giornalisti a Parigi.

L’ex premier ha affermato che il suo Paese è stato spinto “sull’orlo del baratro” dalla decisione del presidente di cercare di governare per un terzo mandato. In caso di successo, si tratterebbe di un “colpo di Stato”. Nonostante il clima politico già teso, il partito Houphouetist Rally for Democracy and Peace (RHDP) di Ouattara ha annunciato che il presidente sarebbe stato ufficialmente nominato come candidato in una grande manifestazione ad Abidjan, il 22 agosto. Violente proteste hanno scosso la Costa d’Avorio da quando Ouattara, al potere dal 2010, ha annunciato la sua candidatura. Da agosto, oltre una dozzina di persone sono morte negli scontri tra manifestanti e polizia. La Costituzione afferma che il presidente può rimanere al potere solo per due mandati, ma Ouattara sostiene che le riforme costituzionali del 2016 abbiano azzerato tale conto e gli permettano di candidarsi nuovamente. Il 12 agosto il governo ha annunciato il divieto di manifestare in un comunicato letto alla televisione di Stato. 

Ouattara, 78 anni, aveva inizialmentedichiarato che si sarebbe opposto alle elezioni presidenziali del 31 ottobre, annunciate dopo la morte di infarto del suo successore, il primo ministro Amadou Gon Coulibaly. L’annuncio ha scatenato la furia tra i critici del presidente, poiché il politico ha già concluso due mandati. Questo ha quindi dichiarato di poterne effettuare un terzo sostenendo che i recenti cambiamenti costituzionali lo autorizzavano a “resettare l’orologio”. Le nuove elezioni si svolgeranno in un Paese ancora segnato da una guerra civile scoppiata nel 2011, quando Laurent Gbagbo si è rifiutato di cedere il potere a Ouattara dopo una sconfitta elettorale. I disordini che ne seguirono causarono circa 3.000 vittime e divisero il Nord e il Sud del Paese.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.