Colombia: camion carico di esplosivo esplode vicino base militare, 2 feriti

Pubblicato il 18 settembre 2020 alle 12:45 in America Latina Colombia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due donne sono state ricoverate in ospedale con ferite nella regione di Arauquita, nello stato nord-orientale della Colombia, a causa dell’esplosione nella giornata di ieri di un camion carico di esplosivo, hanno riferito i media colombiani.

Secondo i media locali, il camion sarebbe esploso intorno alle 13:00 di giovedì nel quartiere di Villa Jesús nei pressi di una base militare locale.

Secondo il rapporto delle forze dell’ordine, due donne di 25 e 35 anni sono rimaste ferite nell’esplosione e trasportate all’ospedale San Lorenzo con ferite non mortali. L’esplosione avrebbe danneggiato anche l’edificio residenziale più vicino.

Per ora si suppone che il camion fosse diretto alla base militare ed è esploso prematuramente.

Lo stato di Arauca ospita un gruppo paramilitare chiamato Esercito di liberazione nazionale (ELN). Il governo colombiano e diversi altri paesi e organizzazioni, compresi gli Stati Uniti e l’Unione europea, hanno designato l’ELN come organizzazione terroristica.

Il conflitto armato colombiano, o guerra civile colombiana, è un conflitto iniziato in Colombia negli anni ’60 ed attualmente in via di risoluzione grazie agli accordi fra il governo e le principali formazioni guerrigliere.

Le principali parti del conflitto erano inizialmente lo Stato colombiano e formazioni guerrigliere di estrema sinistra, in particolare le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC) e l’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN). Negli anni Ottanta narcotrafficanti a capo dei cartelli della droga operanti nel Paese fondarono gruppi paramilitari per combattere la guerriglia, in certi momenti conducendo nel contempo una guerra aperta contro lo Stato (il cosiddetto narcoterrorismo).

Il conflitto ha inizio negli anni Sessanta con la fondazione delle FARC e di altri gruppi armati ispirati dalla rivoluzione cubana. Negli anni Ottanta quasi tutte le organizzazioni avviano dialoghi di pace col governo. Il ritorno alla legalità delle FARC è però impedito dagli assassini mirati compiuti dai paramilitari, mentre altre formazioni, fra cui l’M-19, abbandonano effettivamente la lotta armata nei primi anni Novanta, quando vengono anche sgominate le principali organizzazioni di narcotrafficanti. Nel nuovo secolo i paramilitari di destra firmano un accordo di pace col governo e smobilitano, mentre le FARC, dopo una lunga fase di declino, entrano in negoziati di pace con lo Stato, che conducono a un accordo nel 2016. Questo viene bocciato dal popolo colombiano con un referendum, ma in breve tempo le parti firmano un nuovo accordo che prepara la strada per la smobilitazione della guerriglia.

Le formazioni guerrigliere sono state accusate di trarre profitto dal traffico di droga, e per questo lo Stato colombiano ha ricevuto supporto nel conflitto da parte degli Stati Uniti e di altri Paesi, nell’ambito della cosiddetta guerra alla droga.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.