Aerei USA U-2 spiano esercitazioni cinesi nel golfo di Bohai

Pubblicato il 26 agosto 2020 alle 12:48 in Cina USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

l portavoce del Ministero della Difesa cinese, Wu Qian, ha riferito, il 25 agosto, che un aereo da ricognizione U-2 degli USA ha sorvolato una zona di esclusione aerea all’interno della quale l’Esercito popolare di liberazione(EPL) di Pechino stava conducendo esercitazioni militari, compiendo quella che è stata definita una palese provocazione.

Wu ha specificato che i velivoli statunitensi si sono introdotti volontariamente nell’area in cui il comando settentrionale dell’EPL stava eseguendo esercitazioni a fuoco vivo, interferendo gravemente in regolari attività di addestramento, violando per altro il codice di condotta marittimo e aereo sino-statunitense e le inerenti convenzioni internazionali. Così facendo, Wu ha sostenuto che sia facile causare fraintendimenti ed errori di valutazione che potrebbero provocare incidenti. Il portavoce ha dichiarato che la Cina si oppone fermamente a tale condotta e , per questo, ha rivolto una protesta formale agli Stati Uniti, ai quali è stato altresì richiesto di porre immediatamente fine a tali atteggiamenti provocatori e di mantenere pace e stabilità nell’area.

Da parte sua, l’esercito statunitense ha affermato che il volo dell’aereo U-2 è stato eseguito nella regione dell’Indo-Pacifico e ha rispettato le norme internazionali che regolano i voli aerei. Gli USA hanno poi aggiunto che il personale dell’Aviazione del Pacifico continuerà a volare e operare ovunque la legge internazionale lo consenta, quando vuole.

Gli USA avrebbero inviato più aerei spia a supervisionare le esercitazioni dell’EPL innalzando il rischio di un conflitto armato tra Washington e Pechino, dopo settimane di aumento della presenza militare statunitense nella regione. Tra i mezzi aerei coinvolti c’è stato appunto un Lockheed U-2, un tipo di velivolo che può volare ad un’altezza di oltre 21.000 km e compiere attività di controllo anche da molto lontano, senza dover quindi accedere a zone di esclusione aerea. Inoltre, questo tipo di velivolo è stato impiegato in passato dagli USA in conflitti quali quello in Afghanistan e quello in Iraq.

Secondo quanto rivelato da una fonte rimasta anonima al South China Morning Post, l’aereo Lockheed U-2 sarebbe decollato da una base militare degli USA in Corea del Sud e avrebbe sorvolato il golfo di Bohai, dove stava conducendo un’esercitazione militare la portaerei cinese Shandong. L’esercitazione, durata dal 24 al 25 agosto, era stata annunciata lo scorso 21 agosto dall’Amministrazione per la Sicurezza marittima della Cina che aveva anche vietato l’accesso al perimetro delle coordinate fornite, che racchiudevano il golfo fino al Mar Giallo, a largo delle coste Nord-occidentali del Paese.

Tra il 21 e il 23 agosto, le autorità cinesi hanno annunciato esercitazioni separate in quattro aree distinte, condotte una nel Golfo di Bohai, una nel Mar Giallo, una nel Mar Cinese Orientale e due nel Mar Cinese Meridionale. In quest’ultimo specchio d’acqua, sono in corso esercitazioni dal 24 agosto che si concluderanno il prossimo 29 agosto.

Secondo il direttore del think tank cinese dell’Università di Pechino, South China Sea Strategic Situation Probing Initiative, Hu Bo, l’episodio del 25 agosto è stato estremamente pericoloso e avrebbe potuto portare all’abbattimento dell’aereo statunitense, un incidente in grado di scatenare gravi conseguenze.

Un episodio simile si era verificato nell’aprile del 2001, quando un aereo spia degli USA era stato intercettato da un aereo da combattimento cinese e i due mezzi avevano avuto una collisione in cui era morto il pilota cinese e il velivolo statunitense aveva dovuto effettuare un atterraggio d’emergenza in una base cinese ad Hainan, provincia meridionale-insulare del Paese.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.