Russia: Aleksej Naval’nyj ricoverato per sospetto avvelenamento

Pubblicato il 20 agosto 2020 alle 8:52 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’oppositore russo Aleksej Naval’nyj è ricoverato in stato di coma in ospedale per sospetto avvelenamento, ha detto la sua portavoce.

L’attivista anti-corruzione, tra i più strenui oppositori di Vladimir Putin, si è ammalato durante un volo e l’aereo ha effettuato un atterraggio di emergenza a Omsk, in Siberia. È quanto ha riferito Kira Jarmyš, aggiungendo che si sospetta che qualcosa sia stato mescolato nel suo tè.

Una fonte dell’ospedale ha confermato all’agenzia di stampa russa TASS che Naval’nyj è sottoposto a cure per avvelenamento.

Il quarantaquattrenne oppositore, a giugno aveva descritto il voto sulle riforme costituzionali come un “colpo di stato” e una “violazione della costituzione”. Le riforme, che modificano l’equilibrio dei poteri in Russia rafforzando il parlamento rispetto al Presidente, consentono a Putin di restare in carica per altri due mandati.

Kira Jarmyš, addetta stampa della Fondazione anticorruzione fondata nel 2011 da Naval’nyj, ha twittato: “Questa mattina Naval’nyj stava tornando a Mosca da Tomsk. Durante il volo, si è sentito male. L’aereo ha fatto un atterraggio urgente a Omsk. Aleksej ha un avvelenamento tossico. In questo momento stiamo andando in ospedale”

Successivamente la portavoce ha aggiunto: “Sospettiamo che Aleksej sia stato avvelenato da qualcosa mescolato nel [suo] tè. È stata l’unica cosa che ha bevuto dalla mattina. I medici dicono che l’agente tossico viene assorbito più velocemente attraverso il liquido caldo. In questo momento Aleksej è incosciente.”

La signora Jarmyš in seguito ha twittato che il leader oppositore era in terapia intensiva, assistito da un ventilatore artificiale e in coma, e che la polizia era stata chiamata. Ha aggiunto che non c’erano ancora risultati dei test.

La TASS ha riferito che l’ospedale di emergenza di Omsk aveva confermato che Naval’nyj è in gravi condizioni.

“Aleksej Anatolevič Naval’nyj, nato nel 1976. Terapia intensiva per avvelenamento” – ha detto la fonte dell’ospedale citata dalla TASS.

Le immagini diffuse sui social media mostrano Naval’nyj che viene portato su una barella verso un’ambulanza sulla pista dell’aeroporto.

Aleksej Naval’nyj si è fatto un nome denunciando la corruzione ufficiale, etichettando il partito Russia Unita di Vladmir Putin e Dmitrij Medvedev come “il partito dei truffatori e dei ladri”, e ha scontato diverse pene detentive per diverse ragioni, tra cui aver organizzato manifestazioni non autorizzate.

Nel 2011 è stato arrestato e incarcerato per 15 giorni in seguito alle proteste per brogli elettorali da parte del partito Russia Unita di Putin alle elezioni parlamentari. È stato poi brevemente incarcerato nuovamente nel luglio 2013 con l’accusa di appropriazione indebita, ma ha denunciato la sentenza di condanna come “politica”. Ha tentato di partecipare alla corsa presidenziale del 2018, ma è stato escluso a causa di precedenti condanne per frode in un caso che ha nuovamente affermato di essere politicamente motivato. Naval’nyj è stato condannato infine a una pena detentiva di 30 giorni nel luglio 2019 per aver convocato proteste non autorizzate.

In occasione dell’ultima detenzione Naval’njy si è ammalato. I medici gli hanno diagnosticato una “dermatite da contatto”, ma ha detto che non aveva mai avuto reazioni allergiche acute e il suo medico ha suggerito che potrebbe essere stato esposto a “qualche agente tossico”. Il leader oppositore, la sua famiglia e la Fondazione anticorruzione, allora, si dissero convinti che fosse stato avvelenato dalle guardie carcerarie. Aleksej Naval’nyj ha anche subito una grave ustione chimica all’occhio destro nel 2017 dopo essere stato aggredito con un colorante antisettico.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.