L’alleanza tra Cina e Russia colpisce il dollaro

Pubblicato il 19 agosto 2020 alle 6:10 in Cina Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Mentre il dollaro continua il suo declino in un’economia devastata dalla pandemia, la Federal Reserve americana spinge per un allentamento quantitativo e tassi di interesse vicini allo zero per compensare l’impatto della crisi. Il ruolo della valuta americana come riserva universale è ora messo in discussione come mai prima d’ora.

A seguito della pandemia globale, gli economisti e gli esperti finanziari di tutto il mondo si sono ritrovati a dover rivalutare il ruolo del dollaro statunitense, che ha perso terreno rispetto a una serie di valute, scendendo di quasi il 5% a luglio e marcando il suo più grande crollo mensile in oltre 10 anni.

L’oro, storicamente una sicurezza in tempi incerti, come era prevedibile è salito vertiginosamente, grazie alle strategie degli investitori preoccupati da un mercato così incerto. Nel tentativo di compensare l’impatto della devastazione causata dal coronavirus, alcuni paesi hanno fatto ricorso ad altre opzioni nelle loro transazioni.

Russia e Cina, dunque, si trovano davanti ad una grande opportunità finanziaria per promuovere la “de-dollarizzazione”, come afferma il politologo russo-americano Dimitri Simes.

Attualmente, le statistiche supportano questa tendenza, poiché la quota di scambi in dollari statunitensi tra Mosca e Pechino è scesa al minimo storico, vale a dire del 46% nel primo trimestre del 2020, secondo i dati recenti forniti dalla Banca centrale russa e dal Servizio doganale federale.

Meno della metà delle transazioni tra i due paesi sono state effettuate in dollari nei primi tre mesi del 2020, con il 30% condotto in euro e il restante 24% nelle valute nazionali delle due nazioni.

Per avere un termine di paragone, nel 2015 quasi il 90% di tutte le transazioni tra Cina e Russia era stato condotto in dollari.

A tal proposito infatti, lo scorso giugno, i due paesi avevano siglato un accordo per allontanarsi dal dollaro nelle transazioni bilaterali a favore delle valute nazionali, lo yuan e il rublo.

Il peso che un’alleanza finanziaria tra Russia e Cina potrebbe esercitare sulla de-dollarizzazione è solo uno dei fattori che potenzialmente spingono verso il basso la domanda di valuta americana.

I tentativi di sostenere l’economia in difficoltà hanno spinto la Federal Reserve statunitense a stampare denaro e iniettarlo nel sistema bancario commerciale.

Tuttavia, secondo Oxford Economics, entro la fine del 2020 è previsto che la Fed abbia acquistato 3,5 trilioni di dollari di titoli di stato con questi dollari di nuova creazione, ma gli esperti di Wall Street avvertono che liberalizzando la stampa di denaro il governo americano rischia di svalutare ulteriormente la valuta, affrettandone il crollo.

 

 

 


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.