USA e Francia solidali con la Repubblica di Cipro

Pubblicato il 17 agosto 2020 alle 18:22 in Cipro Francia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli Esteri della Repubblica di Cipro, Nikos Christodoulidis, ha incontrato il sottosegretario di Stato per gli Affari Politici degli USA, David Hale, il 16 agosto, per discutere degli sviluppi nel Mediterraneo Orientale. Intanto, la Turchia commenta l’accordo tra Nicosia e Parigi. 

I colloqui tra il rappresentante di Cipro e degli Stati Unitisi si sono incentrati sulle relazioni bilaterali e hanno incluso uno scambio di opinioni sulla questione cipriota, sugli attuali sviluppi nel Mediterraneo orientale e sulla situazione in Medio Oriente. Hale ha ribadito il sostegno degli Stati Uniti al diritto della Repubblica di Cipro di sfruttare le proprie risorse naturali, compreso lo sviluppo di idrocarburi che potrebbe “fornire sicurezza energetica durevole e prosperità economica in tutto il Mediterraneo”, secondo l’ambasciata degli Stati Uniti a Cipro. Il rappresentante statunitense ha anche aggiunto che queste risorse dovrebbero essere “equamente condivise tra le comunità greco-cipriota e turco-cipriota”. La breve visita del diplomatico statunitense a Cipro è avvenuta nel mezzo delle crescenti tensioni nel Mediterraneo orientale.

Il 14 agosto, i ministri degli Esteri dell’UE hanno espresso “piena solidarietà” con Grecia e Cipro e hanno sollecitato un “allentamento immediato” della tensione da parte della Turchia. Tuttavia, il 16 agosto le autorità turche hanno annunciato che la nave di perforazione Yavuz avrebbe condotto una nuova missione per la ricerca di idrocarburi della durata di un mese, al largo della costa Sud-occidentale di Cipro. Il rappresentante per la Politica Estera dell’UE, Josep Borrell, ha condannato la decisione di Ankara. “L’annuncio di oggi della Turchia di rinnovate attività di perforazione effettuate dalla nave Yavuz in una zona marittima che è stata rivendicata da Cipro e dall’Egitto alimenta purtroppo ulteriori tensioni e insicurezza nel Mediterraneo Orientale”, ha affermato il rappresentante dell’UE. L’Unione Europea ritiene che l’ultimo annuncio turco mini ulteriormente gli sforzi per riprendere il dialogo e i negoziati verso una riduzione dell’escalation. “Chiedo alle autorità turche di porre fine immediatamente a queste attività e di impegnarsi pienamente e in buona fede in un ampio dialogo con l’Unione europea”, ha dichiarato Borrell.

Intanto, il 15 agosto, il ministro degli Affari Esteri turco, Hami Aksoy, ha commentato la cooperazione in materia di Difesa tra l’amministrazione greco-cipriota e la Francia. Questo arriva dopo che, il 15 agosto, è stato annunciato che l’accordo di cooperazione in materia di Difesa firmato dai rappresentanti di Nicosia e Parigi il 4 aprile 2017 è entrato in vigore il primo agosto 2020. Secondo Ankara, l’amministrazione greco-cipriota non rappresenta i turco-ciprioti e l’isola nel suo insieme, quindi questa non è autorizzata a firmare un tale accordo. Inoltre, secondo la Turchia, l’intesa è contraria ai trattati del 1960 su la divisione di Cipro e mina l’equilibrio stabilito da questi patti. Una maggiore presenza della Francia nel Mediterraneo Orientale, secondo Ankara, rischia di perturbare gli sforzi volti a garantire stabilità e sicurezza nell’area. 

Secondo la Turchia, “la parte turca ha avanzato proposte costruttive e positive al fine di trasformare la regione in una zona di prosperità e stabilità in passato. Tuttavia, queste proposte sono state respinte dal duo greco-cipriota-greco”. “È inaccettabile che, in questo momento, la Francia adotti misure per aumentare ulteriormente la tensione conducendo esercitazioni militari congiunte con l’amministrazione greco-cipriota, dispiegando aerei militari, anche se temporaneamente, in violazione dei trattati”, si legge sul sito ufficiale del Ministero degli Esteri turco. Di conseguenza, Ankara chiede alla Francia, membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, di agire in modo più responsabile, riguardo alle questioni relative a Cipro. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.