Coronavirus: aiuto finanziario del Giappone al Paraguay

Pubblicato il 7 agosto 2020 alle 8:37 in America Latina Paraguay

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Paraguay ha ricevuto 11 milioni di dollari dal Giappone, in parte come prestito e in parte come donazione, per combattere COVID-19 e per effettuare i lavori igienico-sanitari necessari a mettere in sicurezza il Paese, ha riferito l’Agenzia statale di informazione paraguaiana (IP).

“Il governo del Giappone concederà al Paraguay per l’attuazione del programma di riferimento (Cooperazione finanziaria non rimborsabile per l’attuazione del programma di sviluppo economico e sociale) una donazione di circa 2,7 milioni di dollari” – ha riferito il governo del Paraguay.

L’accordo di cooperazione finanziaria non rimborsabile per l’attuazione del programma di sviluppo economico e sociale è stato firmato dal ministro degli Affari esteri paraguayano, Antonio Rivas Palacios, e dall’ambasciatore del Giappone ad Asunción, Ishida Naohiro.

L’iniziativa mira a rafforzare la capacità di attenzione del Ministero della Salute nella lotta alla pandemia COVID-19 (malattia causata dal nuovo coronavirus) attraverso la donazione di attrezzature mediche (acquisto di circa 20 ambulanze e apparecchiature radiologiche mobili ). Il secondo documento firmato, riferisce ancora IP, riguarda l’implementazione del progetto di acqua potabile e servizi igienici per l’area metropolitana di Ciudad del Este (sud-est del Paraguay).

Il progetto la compartecipazione della Banca interamericana di sviluppo per migliorare la fornitura di acqua potabile e fognatura, di cui beneficeranno circa 300.000 abitanti a Ciudad del Este e a Presidente Franco.

Per questa iniziativa il Giappone concederà al Paraguay un prestito di circa 8,3 milioni di dollari.

Il Paraguay registra ad oggi un totale di 61 decessi per COVID-19 e 6.060 infetti, dal momento che la malattia è stata rilevata nel paese per la prima volta il 7 marzo. Tuttavia, i laboratori e il ministero della Salute non riescono ad elaborare tutti i campioni dai test COVID-19, ha detto il direttore della sorveglianza sanitaria, Guillermo Sequera. “Sono spinto a dire che la richiesta di test è superiore alla capacità del sistema” – ha dichiarato l’alto funzionario del governo di Asunción.

Il direttore della sorveglianza sanitaria ha affermato che il Paraguay, con il suo attuale sistema, “registra un quarto” dei casi di coronavirus e si è detto convinto che il Paese sta per iniziare ad affrontare ora la situazione più difficile, dopo essere stato risparmiato nei mesi precedenti.

Sequera ha sottolineato che il laboratorio dell’Istituto di ricerca in scienze della salute rielaborerà l’analisi dopo il conflitto di “falsi positivi” all’interno della rosa della squadra 12 de octubre poco più di due settimane fa. Il 21 luglio, la Federazione Calcio del Paraguay ha ammesso che c’erano falsi positivi nei risultati del COVID-19 per la squadra del club del 12 de octubre, che ha dovuto interrompere gli allenamenti.

Anche il ministro della Salute, Julio Mazzoleni ha dichiarato che il mese di agosto rappresenta la fase più difficile per il Paraguay nella lotta al COVID-19.

“Stiamo entrando nella fase più difficile dell’epidemia. L’epicentro oggi è l’Alto Paraná [sud-est]. Aumenta il numero medio di casi confermati al giorno. Il mese di agosto sarà un mese difficile, è importante che noi tutti, che aggiungiamo davvero per essere parte della soluzione e non del problema. C’è una circolazione sostenuta del virus, non sono più casi isolati” – ha detto Mazzoleni in conferenza stampa. Il ministro ha annunciato che le audizioni e le attività del presidente Mario Abdo Benítez saranno ridotte il più possibile al di fuori della sede del governo e ha sostenuto che “la lotta deve avvenire fuori dagli ospedali” esortando la popolazione a rispettare i protocolli sanitari.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.