Coronavirus: la Russia prepara il piano per l’autunno

Pubblicato il 31 luglio 2020 alle 13:18 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto una riunione di videoconferenza sulla situazione sanitaria ed epidemiologica nel paese e sulla prontezza del sistema sanitario per il periodo autunno-inverno.

Putin ha discusso della situazione sanitaria ed epidemiologica nella Federazione russa e sulla preparazione di un piano per il sistema sanitario per il periodo autunno-inverno con funzionari del Ministero della Salute, medici e rappresentanti delle entità federali.

“Entro il periodo autunno-inverno, di solito mettiamo in ordine l’industria energetica, eseguiamo i lavori di riparazione appropriati e così via. Tuttavia, nelle condizioni di oggi, è tempo di parlare di come ci prepariamo dal punto di vista della medicina per questo periodo di tempo” – ha esordito Putin.

Il capo dello Stato ha ricordato come sia stata data priorità ai problemi del sistema sanitario negli ultimi mesi. “Vorrei sottolineare che l’intero sistema di assistenza medica durante l’epidemia nel suo insieme ha funzionato in modo ordinato. Abbiamo notevolmente aumentato le sue capacità. Questo fatto e, naturalmente, senza dubbio, gli sforzi altruistici, il coraggio degli operatori sanitari hanno svolto un ruolo enorme e colossale nella lotta contro la minaccia del coronavirus, aiutando a proteggere la vita e la salute di centinaia di migliaia di cittadini del paese” – ha affermato, pur riconoscendo che ci sono stati errori e problemi.

Putin ha salutato con favore la seppur lenta decrescita della curva di contagio in Russia, ricordando che il numero di nuovi casi rilevati a luglio è quasi due volte inferiore rispetto al periodo di picco di maggio.

Il leader del Cremlino ha affermato che, ad ogni modo, la situazione rimane difficile e che la curva potrebbe riprendere a salire come accaduto in altri paesi. “Pertanto, non vi è motivo di compiacersi, di rilassarsi, di dimenticare le raccomandazioni dei medici. E per questo faccio appello a funzionari governativi e a tutti i cittadini del nostro paese. Inoltre, finora non tutte le regioni del paese sono riuscite a ottenere una riduzione costante del numero di malattie. In un certo numero di entità costituenti della Federazione, lo stato delle cose rimane difficile” – ha aggiunto.

Ad oggi in Russia le regioni stanno gradualmente allentando i regimi di restrizioni forzate. L’attività commerciale viene ripristinata, viene avviata la produzione, aprono strutture di ristorazione e centri commerciali. Tuttavia, segnala Putin “è necessario prendere decisioni ponderate, attente, accurate, come prima, sulla base delle raccomandazioni degli specialisti. Perché la fretta irragionevole, come ha dimostrato la situazione in alcune entità costituenti della Federazione, è la strada che porta a un ripetuto aumento del numero di casi”.

In questa situazione, la preoccupazione del Cremlino è mantenere e rafforzare la capacità del sistema sanitario nazionale per il periodo autunno-inverno. Una stagione in cui in tutto il mondo, compresa la Russia, tenendo conto delle sue caratteristiche naturali e climatiche, c’è tradizionalmente un aumento di raffreddori, influenze, e infezioni virali respiratorie acute. Inoltre, secondo gli esperti, anche la situazione della diffusione del coronavirus potrebbe peggiorare.

 

 

Alla luce dei problemi evidenziati, Putin e gli esperti consultati hanno concordato sul fatto che gli sforzi speciali dovrebbero concentrarsi sul lavoro preventivo, per prima cosa sui vaccini antinfluenzali.

Nel 2019 oltre la metà dei cittadini russi ha ricevuto tali vaccinazioni. Questo ha protetto milioni di persone dall’influenza di stagione. Tuttavia, commenta Putin, “molti lo hanno preso alla leggera. E oggi abbiamo sentito come il piano nazionale di vaccinazione antinfluenzale abbia necessità di essere implementato quest’anno”. 

Ciononostante il governo russo ritiene innecessario imporre l’obbligo di vaccinazione. “Fare il vaccino antinfluenzale o meno è, ovviamente, una scelta personale. Ma questa è anche una responsabilità colossale di ogni persona per la propria salute e la salute dei propri cari, in particolare i genitori per la salute dei loro bambini” – ha commentato Putin, aggiungendo che “il principio di volontarietà, ovviamente, deve essere rigorosamente rispettato” e che spetta alle autorità il compito di persuadere e convincere la popolazione della bontà e della necessità del vaccino.

“È necessario informare ampiamente le persone sull’importanza delle vaccinazioni contro l’influenza e le infezioni respiratorie virali, informare quando e in quale istituzione medica possono essere fatte gratuitamente, su appuntamento, preferibilmente senza code, ovviamente. L’intero processo dovrebbe essere organizzato nel modo più conveniente possibile per i cittadini, in particolare gli anziani o i genitori con bambini” – ha affermato ancora il leader del Cremlino.

Dalla riunione è emersa inoltre la necessità di rifornire ospedali e centri sanitari e formare una scorta di attrezzature mediche necessarie, antisettici, mascherine e quant’altro necessario per affrontare il coronavirus per il prossimo periodo. Inoltre, nelle istituzioni mediche federali e regionali dovrebbe essere mantenuta una riserva di letti specializzati per il trattamento dei pazienti con coronavirus.

Secondo gli esperti è necessario prevedere la possibilità di un rapido dispiegamento di tali letti dalla riserva, anche per aiutare i pazienti con complicazioni di influenza e infezioni respiratorie virali.

“Chiedo al governo, insieme ai produttori farmaceutici nazionali, di monitorare costantemente l’affidabilità della fornitura di medicinali al nostro mercato interno, compresi quelli che hanno dimostrato l’efficacia dei farmaci per il trattamento del coronavirus. Li abbiamo. In generale, la loro produzione commerciale è già stata stabilita. È necessario solo fornire il volume richiesto” – ha aggiunto Putin.

Il capo dello Stato ha espresso la sua preoccupazione riguardo al ritardo nella diffusione delle nuove tecnologie in ambito sanitario. “È necessario estendere l’uso dei moderni servizi e servizi elettronici in ambito sanitario, per aumentare la pratica della comunicazione remota tra medico e paziente, anche attraverso il portale dei servizi statali e municipali. Tutti i compiti tecnici necessari per questo devono essere risolti in modo tempestivo, tutti i meccanismi devono essere sottoposti a debug” – ha affermato. In tal modo si ridurrebbe l’affluenza dai medici di base e nei pronti soccorsi durante l’autunno e l’inverno, nei momenti di maggior diffusione di influenza e raffreddori stagionali.

Infine Putin ha chiesto alle autorità locali di segnalare le mancanze del sistema sanitario e indicare l’entità degli investimenti considerati necessari, in modo da poter adeguare il bilancio federale alle necessità indicate.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.