COVID-19 in Messico: calano i contagi ma aumentano i decessi

Pubblicato il 30 luglio 2020 alle 6:20 in America Latina Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo messicano ha riferito di aver rilevato 7.208 nuovi casi di COVID-19 e 854 nuovi decessi, portando il conteggio totale a 402.697 positivi e 44.876 decessi.

“Ad oggi, in Messico, sono stati confermati 402.697 casi e 44.876 morti per COVID-19”, afferma il rapporto quotidiano del sottosegretario del governo messicano per la prevenzione e la promozione della salute.

Il 27 luglio, il Messico aveva riportato 10.453 nuove infezioni e 648 nuovi decessi.

I cinque stati con il maggior numero di casi sono: Città del Messico, Stato del Messico, Tabasco (sud), Veracruz (centro) e Guanajuato (centro), che insieme rappresentano il 45% di tutti casi registrati nel Paese.

Città del Messico continua a registrare la maggior parte dei casi accumulati nel Paese e rappresenta da sola il 17,5% di tutti i casi registrati, afferma il rapporto.

“Ad oggi, sono stati registrati 44.876 decessi per COVID-19 e 2.364 decessi sospetti, vale a dire, con risultati epidemiologici ancora in sospeso”, afferma il Ministero della Salute messicano in una nota.

Il Messico ha iniziato il 29 luglio il 59° giorno della nuova normalità, registrando una leggera riduzione dei casi positivi e sospetti, ma non dei decessi.

Nel frattempo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato un allarme, riferendo che il subcontinente americano, così come l’Africa, si stanno rapidamente trasformando nei focolai di maggiore entità a livello mondiale. “Stiamo assistendo di fatto ad uno spostamento dell’epicentro della pandemia, dal vecchio continente alle Americhe. Dopo l’aumento esponenziale dei casi in Brasile, nelle ultime settimane si è registrato un aumento progressivo di casi anche negli altri paesi della regione, tra cui Cile e Perù”, ha dichiarato il responsabile delle emergenze sanitarie dell’OMS, Miike Ryan.

Ad oggi, il COVID-19 ha già infettato oltre 16,8 milioni di persone in tutto il mondo. In totale, oltre 660.000 persone sono morte a causa della malattia.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.