Telefonata Putin-Erdogan: in primo piano Libia, Siria e riapertura confini

Pubblicato il 29 luglio 2020 alle 6:20 in Russia Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La presidenza turca ha reso noto che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha avuto ieri, martedì 28 luglio, un colloquio telefonico con il suo omologo russo Vladimir Putin.

Secondo quanto riferito dalla presidenza turca, i due leader hanno discusso a lungo della situazione in Libia e in Siria, l’escalation delle tensioni tra Armenia e Azerbaigian, nonché i passi per consolidare le relazioni tra Ankara e Mosca.

Il colloquio tra i due presidenti ha riguardato tutti i temi delle relazioni bilaterali tra i due paesi. In particolare è stato dato un voto positivo alla cooperazione bilaterale nell’ambito della lotta al coronavirus, che renderà possibile il ripristino a partire dal 1° agosto del collegamento aereo fra i due paesi.

Il servizio stampa del Cremlino ha dichiarato che, parlando della questione Armenia-Azerbaigian, le parti si sono pronunciate a favore di una soluzione pacifica del conflitto nella Transcaucasia. I due leader hanno convenuto che non esiste un’alternativa a un accordo politico-diplomatico nell’interesse dei popoli di Armenia e Azerbaigian.

Putin ed Erdogan avevano avuto un altro colloquio telefonico lo scorso 15 luglio. In quella occasione, i due leader avevano discusso il ripristino delle connessioni aeree tra i due paesi.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.