Le truppe USA abbandonano la Germania per il Belgio

Pubblicato il 29 luglio 2020 alle 17:53 in Germania USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Gli Stati Uniti hanno confermato che sposteranno il quartier generale dell’esercito in Europa da Stoccarda, in Germania, al Belgio, trasferendovi quasi 12.000 soldati. 

Dei 34.500 militari statunitensi in Germania, circa 6.400 saranno rimandati negli USA, quasi 5.600 saranno trasferiti in altri Paesi della NATO e poco meno di 25.000 resteranno nel Paese, secondo quanto ha dichiarato il segretario alla Difesa degli USA, Mark Esper, durante una conferenza stampa, il 29 luglio. Esper ha affermato che uno degli obiettivi chiave della rotazione è rafforzare il fianco Sud-orientale della NATO vicino al Mar Nero. Alcuni membri del personale militare potrebbero anche recarsi in Polonia e negli Stati Baltici. 

Esper ha dichiarato che vorrebbe che alcune mosse in tale direzione iniziassero nel giro di poche settimane, ma ci sono ancora consultazioni da fare al riguardo. “Sarà una responsabilità importante determinare dove dovrebbero recarsi i soldati per migliorare la loro prontezza e assicurarsi che abbiamo alloggi e assistenza all’infanzia adeguati e cure ospedaliere e tutto ciò che occorre per le famiglie”, ha dichiarato Esper. Alcuni funzionari statunitensi hanno affermato che il trasferimento avrebbe probabilmente causato l’invio di forze aeree e di terra verso Paesi che hanno già una presenza di truppe statunitensi. 

La decisione è in linea con il desiderio annunciato da Trump di ritirare le truppe dalla Germania, almeno in parte motivato dalla insoddisfacente spesa militare di Berlino. Il presidente ha dichiarato che il Paese “non ha pagato la sua parte dei costi di Difesa della NATO”. “La Germania è sconsiderata, sono all’un percento, non al due percento”, ha dichiarato il 29 febbraio ai giornalisti fuori dalla Casa Bianca. “Hanno approfittato di noi per molti anni”, ha aggiunto. I democratici dell’opposizione e alcuni dei membri di alto profilo del partito stesso di Trump hanno criticato la decisione di accanirsi contro Berlino e hanno affermato che i costi di una manovra di questo tipo saranno enormi e le tempistiche molto lunghe. Esper ha dichiarato che il costo delle mosse non è stato ancora calcolato. “Chiaramente, il costo in questo momento è solo stimato. Ci vorranno diversi miliardi di dollari, direi cifre singole, ma poi si dilazioneranno nel tempo”, ha affermato. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.