Coronavirus: Mosca invia medici in Kirghizistan

Pubblicato il 24 luglio 2020 alle 6:28 in Kirghizistan Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un secondo gruppo di medici è arrivato dalla Russia al Kirghizistan per assistere i funzionari sanitari locali nella lotta contro COVID-19, secondo quanti ha confermato l’ambasciata russa a Bishkek.

“Un aereo del Ministero delle Emergenze ha trasferito un secondo gruppo di medici russi a Bishkek: 48 in totale. Sono epidemiologi, esperti in malattie infettive e altri specialisti di Mosca e Ufa che aiuteranno i loro colleghi kirghisi a combattere il coronavirus” – ha confermato ancora l’ambasciata. Entro il 25 luglio, secondo il portavoce, è previsto l’arrivo di un altro aereo con forniture mediche per un importo di 150 milioni di rubli (oltre due milioni di euro).

“L’assistenza, come prima, è fornita gratuitamente, il che conferma ancora una volta il rapporto di partenariato strategico e alleanza” – ha dichiarato l’ambasciata russa in una nota.

Nelle scorse settimane la Russia ha ripetutamente inviato aiuti umanitari e specialisti in Kirghizistan per combattere il COVID-19. In precedenza, gli specialisti del Rospotrebnadzor (Servizio federale russo per i diritti del consumatore e il monitoraggio del benessere dei cittadini) hanno visitato il Kirghizistan, dove hanno consultato gli operatori sanitari della repubblica e hanno anche fornito loro 30.000 sistemi di test per diagnosticare il coronavirus.

Il 22 luglio un aereo del Ministero della Difesa russo aveva trasportato 19 medici militari in Kirghizistan, che stanno già fornendo assistenza agli operatori sanitari locali.

Ad oggi, il Kirghizistan ha registrato 30.326 casi di infezione da coronavirus, inclusi 1.169 decessi e 16.791 guarigioni. Nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 967 nuovi positivi, 46 decessi e 1.031 dimissioni.

Il Ministero della Salute kirghiso descrive la situazione epidemiologica come “pressante”. I centri medici non sono in grado di far fronte al crescente numero di infetti, quindi a Bishkek e in diverse regioni del Kirghizistan sono stati creati diversi ospedali da campo, almeno 12 in tutto il territorio nazionale. Inoltre, sono state sospese le vacanze e le licenze per il personale medico e gli studenti di medicina dei corsi superiori per aiutare nella lotta contro il coronavirus.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.