Il parlamento catalano chiede l’abdicazione del re Felipe VI

Pubblicato il 23 luglio 2020 alle 6:11 in Europa Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La sessione plenaria del Parlamento ha approvato le conclusioni della commissione d’inchiesta sull’applicazione dell’articolo 155. La Camera catalana ha ripudiato il presidente Pedro Sánchez, in quanto “parte attiva e decisiva” dell’intervento di autonomia nel 2017, e chiede l’abdicazione del re Felipe VI.

La votazione contro Sánchez si è conclusa con 69 voti a favore, dei partiti di indipendenza, e 56 contrari, da parte di Cs, Unità PSC e PP.

La commissione d’inchiesta sull’applicazione dell’articolo 155 è stata istituita alla fine del 2018. Dal primo giorno è stata segnata da polemiche dato che Ciudadanos, PSC-Units e PPC hanno rifiutato di partecipare ai lavori, considerando che l’approccio era fazioso e il suo unico obiettivo era quello di rafforzare la tesi indipendentista.

Anche banchieri, uomini d’affari e rappresentanti di entità sociali sono comparsi davanti alla commissione. Assenti, sebbene invitati a comparire, Pedro Sánchez e altri membri del precedente esecutivo, come Mariano Rajoy e Soraya Sáenz de Santamaría.

Nelle conclusioni, si afferma che queste assenze costituiscono un chiaro segnale di “disprezzo” nei confronti del Parlamento. Allo stesso modo, si afferma che “l’applicazione dell’articolo 155 è stata un’azione politica perfettamente assimilabile a un colpo di stato realizzato dagli stessi apparati statali” e che “gli apparati statali non vogliono riconoscere la loro realtà di Stato plurinazionale e sono disposti reprimere con la forza qualsiasi espressione democratica delle nazioni che la compongono”.

Per quanto riguarda il re Felipe VI, viene nuovamente rimproverato per il discorso tenuto il 3 ottobre 2017, che i gruppi di indipendenza considerano “un passaggio essenziale” per la successiva applicazione dell’articolo 155, e per questo motivo ne viene chiesta l’abdicazione.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.