Colloquio telefonico tra Xi Jinping e Putin

Pubblicato il 8 luglio 2020 alle 17:01 in Cina Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente cinese Xi Jinping, e il suo omologo russo, Vladimir Putin, hanno avuto un dialogo telefonico in cui hanno deciso di portare avanti la cooperazione tra i due Paesi nel quadro di uno scenario globale in continua evoluzione, l’8 luglio.

Il presidente cinese ha affermato che i due Paesi dovrebbero restare uniti e contrastare le politiche di egemonia e di unilateralismo, ponendo l’accento sulla necessità di una cooperazione e comunicazione strategica tra le parti a livello di relazioni bilaterali e nei contesti internazionali, come l’Onu. In particolare, Xi ha espresso la volontà di portare avanti il reciproco sostegno tra Russia e Cina, opponendosi fermamente alle interferenze esterne e a tentativi di sabotaggio dei rispettivi Paesi, rafforzando la sovranità, la sicurezza e lo sviluppo degli interessi di ognuno dei due. Il presidente cinese ha poi sottolineato come la cooperazione tra i due Paesi debba riguardare soprattutto i settori della tecnologia, dei vaccini e della bio-sicurezza, alla luce della collaborazione ed efficienza dimostrate nella lotta al coronavirus.

L’agenzia di stampa russa Tass, ha sottolineato l’appoggio espresso dal presidente cinese per il referendum sugli emendamenti alla costituzione russa, tenutosi dal 25 giugno al primo luglio scorsi, e per i festeggiamenti in occasione del 75esimo anniversario della vittoria della seconda guerra mondiale contro la Germania nazista. In particolare, Xi ha sottolineato che la parata militare organizzata dalla Russia ha dimostrato al mondo intero che Mosca intende proteggere la pace mondiale con risolutezza.

Stando a Xinhua, da parte sua, Putin avrebbe affermato che il referendum costituzionale russo ha garantito al proprio Paese la possibilità di mantenere la sua stabilità politica,  salvaguardare la sua sovranità e opporsi alle interferenze straniere. Putin ha espresso il proprio appoggio per l’approvazione della nuova legge sulla sicurezza nazionale per Hong Kong, del 30 giugno scorso, e si è opposto a qualsiasi azione provocatoria che possa minare la sovranità cinese. Il capo di Stato russo si è detto certo che che la RPC saprà mantenere la prosperità e la  stabilità dell’isola e nel lungo periodo. Infine, Putin, oltre a ritenere che le relazioni sino-russe si trovino ad un apice storico, ha affermato che i legami con la Cina sono tra le maggiori priorità della diplomazia russa.

La telefonata tra Putin e Xi si colloca sia in un momento di crescenti tensioni di Pechino con gli USA, sia a seguito del riaccendersi delle ostilità con l’India lungo il confine de facto tra i due Paesi, noto come Linea di Controllo Effettivo (LAC), che hanno portato alla morte di 20 soldati indiani, lo scorso 15 giugno.

Se da un lato, sia la Russia sia la RPC si trovano su posizioni opposte agli USA in merito a molti temi dello scenario internazionale, dall’altro, però, la Russia è un alleato strategico dell’India. Lo scorso 3 luglio, il capo di Stato russo ha intrattenuto un dialogo con il primo ministro indiano, Narendra Modi, durante il quale avrebbe affermato la volontà russa di rafforzare lo speciale e privilegiato partenariato strategico che lega i rispettivi Paesi e, a seguito del quale, è stato approvato un importante accordo in materia di difesa.

Sebbene le relazioni tra Russia e Cina siano in generale positive, alcuni osservatori hanno notato alcuni cambiamenti che sono stati riportati dal South China Morning Post. Tra questi, in particolare, ci sarebbe stato un recente episodio di nazionalismo cinese anti-Russia lo scorso 2 luglio. In tale data, il Cremlino ha festeggiato l’anniversario della fondazione della città di Vladivostok nel 1960, la quale si erge su un territorio sottratto alla Cina dalla Russia in seguito alla sconfitta della seconda nella seconda guerra dell’oppio, combattuta contro Regno Unito e Francia tra 1856 e 1860. In seguito alla pubblicazione di un video celebrativo della fondazione della città da parte dell’ambasciata russa a Pechino, molti utenti del web tra cui alcuni diplomatici cinesi si sarebbero duramente scagliati contro la Russia.

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Camilla Canestri, interprete di cinese e inglese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.