Emirati Arabi Uniti: rimpasto di governo “flessibile” e ambizioso

Pubblicato il 6 luglio 2020 alle 15:43 in Emirati Arabi Uniti Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’emiro degli Emirati Arabi Uniti (UAE), lo sceicco Khalifa bin Zayed Al-Nahyan, ha approvato, il 5 luglio, una nuova squadra governativa e le diverse modifiche apportate all’apparato dell’esecutivo, volte a far fronte alla nuova fase post- coronavirus.

Il rimpasto è stato annunciato dal vicepresidente, nonché premier, Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, sul proprio account Twitter. In generale, il governo emiratino ha assistito a fusioni tra entità governative, a cambiamenti strutturali e alla nomina di alcuni nuovi ministri, tra cui Economia ed Industria. La ristrutturazione mira a rendere il processo decisionale più agile e tempestivo, soprattutto in una fase di emergenza coronavirus e per quella successiva, oltre a sfruttare al meglio tutte le risorse disponibili per preservare i guadagni e accelerare il processo di sviluppo del Paese.

In particolare, il presidente della compagnia petrolifera statale ADNOC, Sultan al-Jaber, è stato nominato ministro dell’Industria e della Tecnologia Avanzata, mentre a capo del Ministero dell’Economia è stato posto Abdullah al-Marri, affiancato da altri due ministri di Stato, Ahmed Belhoul per le compagnie e le piccole e medie imprese e Thani al-Zeyoudi per il commercio estero. Sono stati poi designati un Ministro di Stato per l’economia digitale, l’intelligenza artificiale e le applicazioni per il lavoro da remoto, mentre i Ministeri di Energia e Infrastrutture sono stati accorpati in un singolo portafoglio guidato dal ministro dell’Energia in carica, Suhail al-Mazrouei.

La nuova struttura governativa prevede la chiusura del 50% dei centri di servizi governativi, i quali verranno, in realtà, trasformati in piattaforme digitali nel corso dei prossimi due anni. Parallelamente, circa il 50% delle autorità federali è stato unito ad altre autorità o Ministeri. A tal proposito, Federal Water and Electricity Authority, Emirates Post, Emirates General Transport Corp e Emirates Real Estate Corp sono tutti confluiti in Emirates Investment Authority.

Tra le nuove figure, una donna è stata nominata a capo della nascente agenzia spaziale Emirates, Sarah al-Amiri, attualmente alla guida della missione spaziale Hope Probe, senza equipaggio umano, che verrà lanciata nel mese di luglio dal Giappone con l’obiettivo di fornire un nuovo sguardo alla situazione climatica e all’atmosfera del pianeta. Inoltre, i Ministeri della Cultura e della Gioventù sono stati uniti. Il nuovo Ministero supervisionerà il National Media Council, adibito all’accreditamento di tutti i giornalisti locali e stranieri e alla supervisione dei media che operano nel Paese. Il Ministero sarà guidato da Noura al-Kaabi, ex ministro della Cultura.

Entro un anno, il nuovo esecutivo dovrà compiere passi in avanti negli obiettivi cardine prefissati, tra cui rendere gli UAE un centro a livello regionale per il commercio, gli affari e il turismo. “Il contesto lavorativo futuro nel campo della medicina, dell’istruzione e del commercio cambierà radicalmente e puntiamo ad essere in prima linea in questi cambiamenti” sono state le parole del primo ministro emiratino.

Nel mese di giugno, la Banca centrale ha previsto che l’economia emiratina subirà una contrazione economica del 3,6% nel corso del 2020. Il settore privato non petrolifero è cresciuto a giugno per la prima volta quest’anno, a seguito dell’eliminazione delle restrizioni imposte durante il coronavirus. Tuttavia, anche Abu Dhabi ha subito le conseguenze del calo dei prezzi del petrolio e dei blocchi imposti sui settori economici e le attività produttive per arginare la diffusione del Covid-19. A fronte di ciò, diverse compagnie hanno tagliato migliaia di posti di lavoro, innescando un esodo di espatriati al momento della ripresa dei voli.

 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano in Italia interamente dedicato alla politica internazionale

Piera Laurenza, interprete di arabo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.