Pakistan: attentato alla borsa di Karachi, 5 morti

Pubblicato il 29 giugno 2020 alle 10:15 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 7 persone sono morte dopo che colpi di arma da fuoco sono stati sparati alla Borsa valori del Pakistan a Karachi lunedì 29 giugno, secondo quanto riferito da funzionari delle forze di sicurezza pakistane.

Un poliziotto e 2 funzionari della sicurezza sono tra i morti confermati, secondo Mohammad Azeem, un funzionario del centro di soccorso Edhi, un importante servizio di beneficenza locale. Il personale di sicurezza paramilitare e di soccorso è sul posto di un’operazione in corso, ha affermato Azeem parlando alla CNN. Gli altri 4 decessi fanno riferimento agli attentatori. 

Abid Ali, direttore della Borsa del Pakistan, ha dichiarato in una conferenza stampa su Geo News che quattro attentatori sono entrati nel complesso e hanno iniziato a sparare ma sono stati uccisi dalle forze di sicurezza. “C’erano quattro aggressori che venivano dal parcheggio, hanno lanciato una granata all’ingresso principale del KSE (la borsa) e poi hanno iniziato a sparare indiscriminatamente” – ha detto Ali. “Gli aggressori indossavano uniformi che sembravano uniformi della polizia, tutti e quattro sono stati uccisi e la situazione è attualmente sotto controllo” – ha aggiunto il direttore della Borsa di Karachi.

La BBC riferisce che gli attentatori sono arrivati a bordo di una Toyota Corolla e si sono fatti strada lanciando granate contro il cancello principale del complesso borsistico. 

In un tweet dell’account ufficiale della Borsa del Pakistan si legge: “La situazione è ancora fluida e l’amministrazione, con l’aiuto delle forze di sicurezza, sta gestendo la sicurezza e riportando la situazione sotto controllo. Pubblicheremo una dichiarazione più dettagliata a tempo debito una volta che la situazione sarà sotto controllo e saranno noti ulteriori dettagli. Per ora il fuoco si è fermato e sono in atto rinforzi e controlli”.

L’amministrazione della Borsa pakistana ha inviato un messaggio ai dipendenti affermando che agenti delle forze dell’ordine erano entrati nel complesso e che “quattro terroristi” erano morti. 

L’amministrazione ha inoltre ordinato agli impiegati all’interno dell’edificio di rimanere ai piani superiori e aspettare che “gli agenti bonifichino il complesso e quindi lascino uscire tutti in modo ordinato”.

La borsa del Pakistan a Karachi è la più grande del paese. Si trova nel centro finanziario della città, dove si trovano tutte le principali banche e servizi finanziari e dove di solito sono dislocate numerose pattuglie della polizia e dell’esercito.

I militanti dell’Esercito di liberazione di Baloch hanno rivendicato l’attacco. I gruppi etnici Baloch hanno combattuto una lunga rivolta per ottenere l’indipendenza e una maggiore quota di risorse nella provincia pakistana del Belucistan, nel sud-ovest del Pakistan. Il Belucistan è la più grande provincia del Paese, di cui occupa quasi la metà dell’intero territorio.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.