L’America Latina supera i 100.000 decessi per coronavirus

Pubblicato il 25 giugno 2020 alle 6:22 in America Latina America centrale e Caraibi

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato un allarme, riferendo che il subcontinente americano, così come l’Africa, si stanno rapidamente trasformando nei focolai di maggiore entità a livello planetario. Stiamo assistendo di fatto ad uno spostamento dell’epicentro della pandemia, dal vecchio continente alle Americhe. Dopo l’aumento esponenziale dei casi in Brasile, nelle ultime settimane si è registrato un aumento progressivo di casi anche negli altri paesi della regione.

L’America Latina ha superato i 100.000 decessi e con con un totale di 2,16 milioni di contagi è diventata uno dei principali focolai pandemici al mondo, seconda solo agli USA con 2,3 milioni di casi totali. A soffrire di più per la pandemia sono Brasile, Messico, Perù e Cile.

La situazione è particolarmente drammatica in Brasile, il secondo paese al mondo per numero di contagi, che da solo presenta la metà dei contagi dell’intero continente, 1.145.906, e 52.645 decessi in totale dal primo caso accertato 4 mesi fa.

Anche il Messico ha visto un aumento della diffusione del virus, raggiungendo 191.410 casi confermati e 23.377 decessi dall’inzio dell’epidemia.

Il Perù ha riportato 8.404 decessi e con oltre 260.000 casi accertati è il secondo Paese della regione per numero di casi; un Paese con ormai gli ospedali al collasso e un crollo economico del 13% registrato nel primi mesi del 2020. 

Con 250.767 casi positivi, invece, il Cile ha superato Spagna e Italia ed è il settimo Paese al mondo, dopo il Perù per numero di contagi. Attualmente sono 4.504 i decessi dovuti al Covid-19. Particolarmente colpita è la capitale Santiago, dove rimangono in vigore le misure di quarantena e il coprifuoco. 

Mentre il virus sembra aver dato tregua al Vecchio Continente, resta grave l’emergenza in Svezia, dove il governo non ha voluto imporre rigide restrizioni per contenere i contagi, come invece negli altri stati europei, mantenendo aperte le attività produttive, gli esercizi pubblici e le scuole.

Secondo l’OMS, ad oggi nel mondo oltre 9 milioni di persone sono state contagiate e oltre 472 mila sono morte a causa del virus.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.