La Spagna mobiliterà 4,2 miliardi di euro per rilanciare il turismo

Pubblicato il 21 giugno 2020 alle 6:12 in Europa Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente della Spagna Pedro Sánchez ha annunciato il lancio di un piano a sostegno del turismo che mobiliterà oltre 4,2 miliardi di euro per riattivare uno dei settori più colpiti dalla pandemia.

“È una mossa necessaria e decisiva per consentire la riattivazione del turismo. Il piano prevede oltre 4,2 miliardi di euro che ruoteranno attorno a vari pilastri”, ha riferito il presidente del governo spagnolo in una conferenza stampa.

Una delle linee centrali del piano comprende una serie di azioni volte a “rafforzare la fiducia nel Paese come una Spagna sicura”, ha spiegato Sánchez.

Ciò include una serie di guide con protocolli anti-Covid creati dall’Istituto per la qualità turistica spagnola nell’area della disinfezione e dell’igiene degli spazi e della capacità e della distanza sociale nei luoghi turistici.

Prevede inoltre la creazione di un badge per dare sicurezza agli stabilimenti che si impegnano nel mettere in campo queste direttive e la creazione di corridoi turistici sicuri come quello delle Isole Baleari, che hanno già iniziato a ricevere viaggiatori dalla Germania.

Inoltre, il piano del governo metterà a disposizione 2,5 miliardi di euro in linee di garanzie per garantire la liquidità delle aziende del settore turistico attraverso prestiti bancari.

Altri aiuti saranno destinati alle tariffe degli autobus e agli incentivi per le compagnie aeree, come la riduzione delle tasse di atterraggio per facilitare il recupero del traffico aereo.

“L’obiettivo è sostenere il tessuto produttivo e sociale, minimizzare il più possibile l’impatto della crisi e facilitare il recupero dell’attività turistica non appena la situazione sanitaria lo permetterà”, ha riassunto il leader spagnolo.

Sánchez ha anche annunciato la mobilitazione di 850 milioni di euro per promuovere un modello turistico basato sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione.

Infine, il presidente ha assicurato che il governo utilizzerà tutti gli strumenti di marketing e promozionali a disposizione per promuovere la Spagna come “destinazione turistica sicura e sostenibile per il turismo nazionale e internazionale”.

In questo senso, il governo ha presentato il video promozionale della campagna di promozione turistica intitolato “L’incredibile è più vicino di quanto si pensi”, che cerca di incoraggiare gli spagnoli a viaggiare nel loro Paese per incentivare il settore turistico.

“È tempo di andare avanti e rilanciare il settore turistico, che è uno dei nostri maggiori punti di forza e un settore che ci offre sicurezza. La Spagna è molto più di una destinazione, è un modello di know-how”, ha concluso Sánchez.

La Camera di Commercio spagnola prevede che quest’anno il turismo perderà circa 83 miliardi di euro a causa della crisi sanitaria.

Il piano di aiuti presentato dal governo era da tempo atteso da un settore che genera oltre il 12% del PIL del Paese.

La Spagna ha raggiunto nel 2019 un record di arrivi di turisti stranieri, con quasi 84 milioni di visite che hanno generato oltre 92,3 miliardi di euro e posizionato il Paese al secondo posto tra le destinazioni turistiche più gettonate al mondo.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.