Ecuador: contratti locali per emergenza sanitaria allo studio della Corte dei Conti

Pubblicato il 13 giugno 2020 alle 6:11 in America Latina Ecuador

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Controllore Generale dello Stato dell’Ecuador, l’equivalente ecuadoregno della Corte dei conti, è intervenuto in 58 Comuni e 16 Prefetture del Paese, che non hanno rispettato le procedure legali in materia di acquisti e nel bando di appalti e contratti pubblici per Covid-19.

“Siamo intervenuti in 58 comuni e 16 consigli provinciali. Sono state riscontrate acquisizioni di forniture mediche che non rispettano le procedure legali e altre che non hanno nulla a che fare con la pandemia ma sono state inserite negli appalti facilitati per l’emergenza sanitaria” – ha spiegato giovedì 11 giugno Pablo Celi, controllore generale dello Stato dell’Ecuador alla catena nazionale di radiotelevisione AER.

Attualmente, la Corte dei Conti sta eseguendo 200 controlli, che includono contratti stipulati da governi locali (comuni e prefetture) e acquisti da parte di ospedali della rete di sanità pubblica e dell’Istituto di previdenza sociale ecuadoriana (IESS).

Celi ha riferito che alcuni comuni hanno acquistato veicoli, assegnato lavori di infrastruttura e assunto consulenze, accedendo alla procedura semplificata  alla situazione di emergenza sanitaria per Covid-19 in vigore in Ecuador da metà marzo. Tuttavia, il controllore ha assicurato, questi contratti non sono associati alla lotta contro la pandemia.

Per quanto riguarda gli ospedali, il funzionario ha osservato che l’ufficio del controllore ha prodotto 12 rapporti con indicazioni di responsabilità penale per irregolarità in tre ospedali nella città di Guayaquil, la città sudamericana più colpita dal virus tanto da meritare il nomignolo di “Wuhan latinoameticana”. Di questi nosocomi, 11 corrispondono a case di cura di proprietà dell’IESS e uno a un ospedale del Ministero della sanità pubblica.

Secondo Celi, solo negli acquisti di mascherine e visiere da parte degli ospedali IESS oggetto di indagine, gli aumenti di prezzo ammontano al 400%. Il funzionario ha indicato che alcune irregolarità hanno a che fare con i fornitori di forniture mediche che registrano un’altra attività non correlata ai servizi legati alla pandemia di Covid-10.

In Ecuador, lo stato di emergenza è un meccanismo costituzionale per superare situazioni generate da eventi gravi e cause di forza maggiore, che consente al settore pubblico di aggiudicare gli appalti direttamente, senza previo bando aperto.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.