Mosca smentisce presenza di paramilitari russi in Libia

Pubblicato il 12 giugno 2020 alle 6:31 in Libia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il vice ministro degli Esteri russo Michail Bogdanov ha nuovamente respinto le speculazioni statunitensi sulla presunta presenza di dipendenti della società di sicurezza privata russa Wagner in Libia.

“Le informazioni sulla presenza dei dipendenti della compagnia Wagner e sulla loro presunta partecipazione ai combattimenti dalla parte dell’Esercito nazionale libico del maresciallo Haftar, che sono divulgate da alcune fonti straniere, in particolare il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, si basano in gran parte su dati manipolati” – ha dichiarato il viceministro in un’intervista al quotidiano egiziano Al Ahram riportata dal sito ufficiale del Ministero degli Esteri della Federazione russa.

Bogdanov ha sottolineato che tali informazioni cercano di screditare la politica della Russia. “Queste affermazioni sono supportate da fonti dubbie che hanno interesse a sostenere gli avversari di Haftar”. Il diplomatico ha indicato che è impossibile verificare la veridicità di queste informazioni. “Molti dati sono falsi. Le persone che secondo alcune fonti stanno combattendo in Libia non hanno mai lasciato la Russia. Va notato che l’elenco è stato copiato dal database dell’odioso sito web ucraino Mirotvorec” – ha avvertito Bogdanov.

Il sito Mirotvorec Center, di Kiev, si propone di smascherare i “nemici dell’Ucraina”, diffondendo notizie e informazioni personali su tali presunti nemici.

Il viceministro ha avvertito che informazioni false consentono alle attrezzature militari fornite in Libia anni fa di passare per nuove esportazioni. “Vengono divulgati molti dati errati o false dichiarazioni deliberate sull’equipaggiamento militare. In particolare, il materiale che è stato inviato in Libia anni fa si presenta come se fosse un nuovo equipaggiamento russo” – ha detto ancora Bogdanov.

Lo scorso febbraio, il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov, aveva smentito le voci diffuse dalla stampa occidentale sulla presunta presenza di truppe russe nel paese nordafricano.

All’inizio di marzo 2019, The Telegraph ha pubblicato un articolo in cui si afferma, citando una fonte del governo britannico, che circa 300 appaltatori della società di sicurezza privata russa Wagner sono in Libia e sostengono l’esercito guidato dal generale Khalifa Haftar. Il ministero degli Affari esteri russo ha dichiarato di non avere informazioni sulle “società di sicurezza private russe” che presumibilmente operano in Libia.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.