Turchia: al via una nuova iniziativa con l’UE

Pubblicato il 11 giugno 2020 alle 10:41 in Europa Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’UE ha lanciato una nuova iniziativa per la promozione della cooperazione tra i parlamentari turchi ed europei, il Gruppo d’Amicizia UE-Turchia. 

È quanto rivelato, mercoledì 10 giugno, dall’agenzia stampa di Ankara, Anadolu, la quale ha altresì sottolineato che l’iniziativa lavorerà come un’alleanza informale tra parlamentari dei due legislativi al fine di migliorare le relazioni tra Turchia e Unione Europea e perseguire obiettivi comuni.  

Da parte sua, il viceministro degli Affari Esteri della Turchia, Faruk Kaymaci, ha accolto con favore la nuova piattaforma di dialogo, ribadendo, in occasione di un incontro in videoconferenza per il lancio dell’iniziativa, che le relazioni di Ankara con Bruxelles sono finalizzate all’ingresso della Turchia nel blocco comunitario. 

Il Gruppo d’Amicizia UE-Turchia, tuttavia, non va a sostituire il Comitato parlamentare congiunto, il cui co-presidente per la parte turca, Ismail Emrah Karayel, ha dichiarato di aver accolto con favore la nuova iniziativa avviata, aggiungendo di ritenere che la cooperazione che ne nascerà potrà contribuire a ristabilire la fiducia tra le due parti e a creare un futuro condiviso, con maggiore dialogo e consapevolezza. TuttaviaKarayel ha specificato che il Comitato parlamentare congiunto rimane la principale piattaforma ufficiale per l’incremento delle relazioni parlamentari tra i due Paesi e contribuire in linea generale allo sviluppo dei negoziati di adesione al blocco comunitario della Turchia.  

In rappresentanza dell’Europa, un parlamentare europeo polacco, Ryszard Czarnecki, rivela Anadolu, ha svolto un ruolo cruciale per la nascita del Gruppo di Amicizia. Da parte sua, Czarnecki ha dichiarato di ritenere che la Turchia sia un ponte tra l’Oriente e l’Occidente e ha promesso di voler promuovere i valori condivisi e di impegnarsi in attività culturali e di soft power. 

I membri del Gruppo di Amicizia avranno contatti costanti per discutere e coordinarsi sulle principali questioni relative allo sviluppo delle relazioni tra UE e Turchia. Nello specifico, il Gruppo intende promuovere discussioni culturali e politiche, anche su temi come l’immigrazione, l’ambiente e il commercio.  

Le relazioni con la Turchia, secondo quanto richiarato, lo scorso primo giugno, dall’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione Europea, Josep Borrell, rappresentano il tema più importante dell’agenda estera dell’Unione. Tale relazione, tuttavia, secondo Borrell, non può riguardare solo il tema dell’immigrazione. Al contrario, ha specificato l’Alto rappresentante, perché si sviluppino relazioni sane e positive, devono essere affrontati numerosi altri temi, come l’ipotesi dell’allargamento, il regime di regolazione dei visti, la politica energetica e le tensioni geopolitiche sulla Libia. 

Nell’ultimo periodo, tuttavia, sono sorte alcune tensioni tra le due parti e, in virtù di ciò, le relazioni con la Turchia saranno al centro del prossimo Consiglio dei ministri degli Affari Esteri dell’UE. Tali tensioni riguardano, tra i vari temi, l’immigrazione.  

In particolare, il 18 marzo 2016, Ankara e Bruxelles avevano siglato un accordo, con cui la Turchia aveva accettato di bloccare il flusso di rifugiati e migranti verso l’Europa in cambio di miliardi di euro di aiuti. Il governo turco, tuttavia, lamentava di aver ricevuto solo una parte del sostegno finanziario promesso. Ciò aveva portato, il 29 febbraio, il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, a ordinare di aprire le frontiere e di non bloccare più i migranti. Il giorno prima, 34 soldati turchi erano morti a causa di un attacco aereo condotto dalle forze governative del regime di Bashar al-Assad. L’Europa ha condannato la decisione di Erdogan, a causa delle ricadute in materia di diritti umani. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano in Italia interamente dedicato alla politica internazionale 

Jasmine Ceremigna 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.