Le Maldive accetteranno nuovi turisti a partire da luglio

Pubblicato il 11 giugno 2020 alle 11:10 in Asia Maldive

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le Maldive riapriranno a tutti i visitatori a luglio senza restrizioni, secondo un portavoce del Consiglio del Turismo. Il Paese è stato duramente provato dal calo del turismo dovuto alla pandemia. 

Una precedente bozza di proposta sulla riapertura indicava che i viaggiatori avrebbero dovuto presentare un certificato medico a conferma della prova di un test negativo per il COVID-19. Tuttavia, la nazione insulare ha deciso di consentire ai turisti di entrare senza test preliminari e senza un periodo di quarantena obbligatorio. Non ci sono inoltre nuovi requisiti per il visto o costi aggiuntivi.

Al momento, chiunque abbia un super yacht o un jet privato può recarsi nel Paese, ma gli altri viaggiatori dovranno aspettare ancora qualche settimana. A maggio, le Maldive, che hanno chiuso i suoi confini a marzo, hanno annunciato una riapertura graduale che indicava che i voli in arrivo per il suo principale aeroporto internazionale sarebbero ricominciati a luglio. “Stiamo programmando di riaprire i nostri confini per i visitatori a luglio 2020”, secondo una dichiarazione ufficiale rilasciata dal Ministero del Turismo, il 30 maggio. La nota sottolinea che agli ospiti non verranno addebitati costi aggiuntivi a parte il visto turistico e tasse di atterraggio.

Il Paese aveva già sofferto un calo del turismo a causa della crescita delle organizzazioni terroristiche islamiste. Il 6 febbraio si è verificato l’ultimo attacco, ai danni di 3 turisti. Un gruppo estremista locale, che afferma di essere affiliato all’ISIS, aveva rivendicato la responsabilità dell’attacco in un video pubblicato online. Nel filmato si vedevano 3 uomini mascherati che accusano il governo maldiviano di essere guidato da infedeli. I militanti affermano poi che i loro attacchi hanno lo scopo di minare il turismo del Paese e avvertono che altri attentati sono in arrivo. La polizia, da parte sua, aveva riferito che stavano lavorando per cercare di confermare la veridicità del filmato. Un video condiviso online mostra un uomo con una camicia blu su una bicicletta che si reca in ospedale con la schiena insanguinata. Secondo i media, l’uomo non sarebbe stato ferito gravemente ed è in buone condizioni. Le Maldive rappresentano una realtà critica per l’estremismo jihadista in Asia e sono il Paese che ha inviato il maggior numero di foreign fighters, rispetto alla propria popolazione, verso la Siria, ai tempi del califfato dell’ISIS.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.