India-Nepal: nuove dispute al confine

Pubblicato il 9 giugno 2020 alle 15:15 in India Nepal

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli Esteri nepalese ha dichiarato che il suo Paese sta ancora aspettando una risposta dall’India per avviare colloqui volti a risolvere una disputa lungo i confini. 

Il ministro degli Esteri del Nepal, Pradeep Gyawali, ha affermato, il 9 giugno, che la prima richiesta è stata inviata a novembre e dicembre del 2019 e poi ancora a maggio 2020. “Abbiamo dichiarato più volte che il Nepal vuole sedersi al tavolo dei negoziati per risolvere questo problema”, ha riferito Gyawali. L’ultima disputa sul confine è stata riaccesa con l’inaugurazione di una strada di collegamento himalayana costruita dall’India in una regione contesa, che si trova in territorio strategico tra Tibet e Cina. La via di comunicazione è lunga 80 km ed è stata inaugurata dal ministro della Difesa indiano, Rajnath Singh, l’11 maggio. La strada attraversa il passo himalayano di Lipulekh, considerata una delle rotte commerciali più brevi e praticabili tra India e Cina.

Il Nepal ha fortemente contestato l’inaugurazione della strada, che ha denunciato come un esempio di bullismo da parte indiana, innescando una nuova disputa sul territorio. In risposta, il governo del primo ministro nepalese, Khadga Prasad Sharma Oli, ha pubblicato una nuova mappa politica del Nepal che mostrava il territorio conteso all’interno dei propri confini. Un rapporto pubblicato sul quotidiano nepalese The Kathmandu Post, il 9 giugno, afferma che Oli ha presentato un disegno di legge costituzionale in Parlamento per ottenere l’approvazione della nuova mappa. Il disegno di legge è stato accolto favorevolmente anche dall’opposizione, che ha affermato i territori contesi appartengono al Nepal.

Il Nepal rivedica da tempo le aree di Limpiyadhura, Kalapani e Lipulekh, in conformità con il trattato di Sugauli del 1816 con il British Raj. Tuttavia, queste aree erano rimaste sotto il controllo delle truppe indiane quando l’India ha combattuto una guerra con la Cina nel 1962. In tale contesto, l’India ha dichiarato che non vuole intrattenere negoziati con il Nepal fino a quando il suo focolaio di coronavirus non sarà messo sotto controllo. Il Nepal, tuttavia, chiede che gli incontri vengano avviati il prima possibile. “Se il coronavirus è un ostacolo per non riuscire a iniziare presto un dialogo diplomatico, avrebbe dovuto essere un ostacolo anche per l’inaugurazione della strada di collegamento”, ha affermato Gyawali. “Ma se il coronavirus non ha creato alcun problema all’inaugurazione, ciò significa che ci sono alcune controversie, ci sono alcuni paradossi”, ha aggiunto.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.