Coronavirus, Pashinyan: in Armenia almeno 100.000 casi

Pubblicato il 8 giugno 2020 alle 13:06 in Armenia Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il numero effettivo di contagi da Covid-19 in Armenia supera i 100 mila, secondo il Primo Ministro Nikol Pashinyan.

“Alcune analisi mostrano che nel nostro paese al momento ci sono più di centomila infetti da coronavirus. Siamo arrivati a questa conclusione, data la proiezione dei decessi e il numero rilevato di infetti” – ha scritto domenica 7 giugno sul suo account Facebook.

Secondo le statistiche del Ministero della Salute, il numero di persone infette da coronavirus in Armenia è aumentato di 766 tra sabato 6 e domenica 7 giugno, un livello record dall’inizio della pandemia nel paese. In totale, lunedì 8 giugno 13.325 casi di infezione, 4.099 guariti e 211 morti sono stati registrati nella repubblica transcaucasica.

Il giorno precedente, il Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan ha dichiarato che il sistema sanitario nel paese era sovraccarico, 200 pazienti non potevano essere ricoverati in ospedale a causa della mancanza di posti negli ospedali. Ha anche valutato la portata delle violazioni degli standard di sicurezza epidemiologica nel paese come catastrofica, sottolineando che le forze dell’ordine non sono in grado di mantenere la situazione sotto controllo.

Il 1° giugno, il capo del governo armeno ha annunciato che lui e i suoi familiari erano stati infettati dal coronavirus. Ha specificato che nessuno di loro presenta sintomi e annunciato che avrebbe continuato a lavorare da casa in stretta collaborazione video con i ministri.

La malattia di Pashinyan ha accresciuto il ruolo del presidente, Armen Sargsyan, una figura normalmente solo cerimoniale. Il capo dello stato ha incontrato il ministro della sanità Arsen Torosyan. Secondo quanto riferisce il servizio stampa dell’Ufficio del Presidente, Armen Sargsyan ha espresso preoccupazione per la situazione con l’infezione da coronavirus. Il presidente ha chiesto informazioni e chiarimenti in merito alla strategia per il superamento dell’epidemia di coronavirus, nonché sulle misure adottate e sui problemi esistenti.

Il ministro Torosyan ha informato il presidente della situazione attuale del coronavirus nel paese, del processo di trattamento e riabilitazione dei pazienti, dei problemi di salute e delle esigenze prioritarie del sistema. Il presidente Sargsyan ha espresso la disponibilità a continuare a utilizzare i suoi contatti personali per sostenere ulteriormente l’istituzione di cooperazione e interazione con vari paesi e strutture per superare i problemi.

Il 14 maggio il governo armeno ha deciso di prorogare lo stato di emergenza dichiarato in Armenia il 16 marzo 2020 e prorogato fino al 14 maggio 2020. Lo stato di emergenza dalle 17:00 del 14 maggio 2020 è stato prorogato di altri 30 giorni, fino al 13 giugno 2020 incluso. L’attività economica autorizzata è stata tuttavia riaperta a partire dal 4 maggio scorso.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.