Italia: accuse di “finanziamento del terrorismo” per 2 etiopi e un somalo

Pubblicato il 4 giugno 2020 alle 20:00 in Etiopia Italia Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Procura distrettuale di Bologna ha accusato due cittadini etiopi, Isidiin Ahmed e Said Mahamed, e un cittadino somalo, Rashiid Dubad, di aver finanziato membri appartenenti o affiliati a gruppi terroristici come al-Shabaab, in Somalia, o il Fronte di Liberazione Nazionale dell’Ogaden, in Etiopia. Secondo quanto rivelato dall’agenzia di stampa Ansa, i tre avrebbero raccolto il denaro in Italia da mandare ai loro contatti operanti nei Paesi africani e finanziare le loro attività terroristiche. Per Dubab, in particolare, è stato chiesto il rinvio a giudizio per finanziamento di condotte con finalità di terrorismo.

Gli uomini erano stati fermati nel maggio 2019 nell’ambito di un’operazione della Digos condotta tra Emilia Romagna, Piemonte e Lombardia. In quell’occasione, anche un altro somalo, Cabdiqani Osman, era stato arrestato. Osman, Dubad e Ahmed sono altresì sospettati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina dai Paesi del continente africano verso l’Europa. Secondo le indagini, le transazioni finanziarie ammontano a diverse migliaia di euro. Il denaro, inviato a partire dal settembre 2018, era destinato “a rafforzare l’attività delle organizzazioni combattenti e non governative operanti in Somalia e Etiopi”, soprattutto attraverso l’acquisto di armi e munizioni.

Al-Shabaab, in arabo “la gioventù”, è un gruppo jihadista fondato nel 2006 e affiliato ad al-Qaeda. L’obiettivo della sua rivolta è quello di rovesciare il governo di Mogadiscio, appoggiato dall’Onu, per prendere il potere e imporre la propria visione della legge islamica. A tal proposito, la capitale somala è regolarmente colpita dai militanti del gruppo. I militanti di al-Shabaab sono stati cacciati da Mogadiscio nel 2011 ma, nonostante la presenza dell’AMISOM, un esercito dell’Unione Africana composto da circa 20.000 uomini, e nonostante l’aumento di attacchi aerei da parte degli Stati Uniti, i jihadisti si sono dimostrati incredibilmente resistenti. In seguito al ritiro del 1994, le truppe americane sono tornate a operare in Somalia nel gennaio 2007.

D’altro canto, il Fronte di Liberazione Nazionale dellOgaden(ONLF) è un gruppo separatista fondato nel 1984 nella regione etiope di Somali e designato per anni organizzazione terroristica dal governo etiope. Tuttavia, al momento della sua ascesa al potere, il 2 aprile 2018, il nuovo primo ministro, Abiy Ahmed, ha deciso di rimuovere il Fronte dalla lista delle organizzazioni terroristiche, eliminando anche il Fronte di Liberazione degli Oromo (OLF) e il Patriotic Ginbot 7 (PG7). Da allora, l’ONLF ha indetto un cessate il fuoco ed ha avviato i colloqui con il governo di Addis Abeba.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.