Inguscezia: operazione anti-terrorismo, uccisi due militanti islamisti

Pubblicato il 1 giugno 2020 alle 8:39 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due militanti islamisti sono stati uccisi nella città di Sunzha in Inguscezia al termine di uno scontro con le forze di sicurezza della Federazione russa. Secondo le autorità avevano pianificato di commettere attentato terroristi. Questo è stato riferito all’agenzia di stampa TASS del centro informazioni del Comitato Nazionale Antiterrorismo (NAK) della Federazione russa.

“Secondo i rapporti, i banditi neutralizzati, la cui identità è stata stabilita, intendevano commettere un certo numero di crimini terroristici nella repubblica” – ha riferito il NAK che tuttavia non ha comunicato i nomi dei militanti islamisti abbattuti.

I militanti sono stati bloccati in uno degli edifici annessi alla periferia di Sunzha durante l’operazione antiterroristica. “Ai terroristi che erano in casa è stato chiesto di abbassare le braccia e arrendersi alle autorità. In risposta, hanno aperto il fuoco contro le forze dell’ordine e durante la sparatoria sono stati neutralizzati due banditi” – ha spiegato il NAK. I militanti sono stati bloccati in uno degli annessi alla periferia della città durante l’operazione antiterroristica; sul posto trovarono armi, munizioni e un ordigno esplosivo improvvisato. Tra le forze dell’ordine e i civili non ci sono vittime, aggiunge il Comitato Nazionale Antiterrorismo.

Dopo procedimento penale è stato aperto in Inguscezia dopo la liquidazione di due militanti nella città di Sunzha, ha riferito il servizio stampa del Dipartimento investigativo del Comitato Investigativo della Federazione russa nella regione.

“Un procedimento penale è stato aperto sulla base di reati previsti dall’articolo 317 del codice penale della Federazione russa, ” Tentativo sulla vita delle forze dell’ordine”, e dall’articolo 222, comma 2, del codice penale della Federazione russa ” Traffico illegale di armi da parte di un gruppo di persone per cospirazione precedente” dopo la liquidazione di due terroristi a Sunzha” – si legge nella nota del Comitato.

Quella di Sunzha è la seconda operazione simile condotta nelle ultime settimane dalle forze russe nel Caucaso settentrionale. Il 22 maggio scorso sei militanti che stavano preparando attacchi contro le forze dell’ordine sono stati uccisi nel distretto di Khasavyurt in Daghestan. Secondo i rapporti, erano associati all’ISIS, coordinando le loro azioni con un emissario dello Stato Islamico. “Hanno pianificato attacchi contro funzionari delle forze dell’ordine e leader religiosi, oltre a estorcere denaro dagli imprenditori per sostenere finanziariamente le attività terroristiche” – aveva riferito il NAK.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.