Sudafrica, coronavirus: allentamento del blocco dal primo giugno

Pubblicato il 25 maggio 2020 alle 18:17 in Africa Sudafrica

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente sudafricano, Cyril Ramaphosa, ha annunciato un decisivo allentamento del blocco dovuto al coronavirus a partire dal primo giugno, consentendo a gran parte dell’economia di tornare a pieno regime. Il Paese più industrializzato dell’Africa si trova in lockdown dalla fine di marzo, quando il governo ha imposto severe restrizioni per frenare la diffusione del virus, che finora ha infettato 22.583 persone e ne ha uccise 429.

Ramaphosa, che è stato messo sotto pressione dai partiti dell’opposizione e dalla maggioranza delle industrie, che lo hanno spinto ad allentare le restrizioni, ha dichiarato che, dopo ampie consultazioni, il governo ha deciso di trasferire il Paese nella “fase 3”del suo sistema di blocco a 5 fasi. “Ciò si tradurrà nell’apertura dell’economia e nella rimozione di una serie di restrizioni alla circolazione delle persone, espandendo in modo significativo i nostri interventi di sanità pubblica”, ha affermato in un discorso televisivo, domenica 24 maggio.

Pur godendo inizialmente di un ampio sostegno per l’introduzione di misure audaci contro il coronavirus, il presidente sudafricano è stato con il tempo sopraffatto dalle preoccupazioni dell’opinione pubblica sull’impatto della pandemia su un’economia già in calo e sulle condizioni di vita dei più poveri.

La terza fase del lockdown, secondo quanto affermato da Ramaphosa, dovrebbe far tornare l’economia a pieno regime, dovrebbe eliminare il coprifuoco e le restrizioni imposte all’attività fisica e infine dovrebbe rimuovere il blocco alla vendita di alcol per il consumo domestico. Il presidente ha però avvertito che ciò potrebbe comportare un picco nel numero di casi, il cui aumento è stato tenuto a bada grazie alle misure adottate finora. Perciò, qualsiasi parte del Paese, in particolare gli hotspot di coronavirus nelle città principali, come Johannesburg e Città del Capo, potrebbe ritornare in un blocco più severo se l’aumento dei casi e l’impatto sul sistema sanitario dovessero diventare troppo gravi.

L’agenzia di rating Standard and Poor’s Corporation, in una valutazione emessa venerdì 22 maggio, ha dichiarato che l’economia sudafricana si ridurrà del 4,5% quest’anno a causa della pandemia di COVID-19. “Il coronavirus peserà molto sulla crescita del PIL, dato il rigoroso blocco interno che ha fermato gran parte dell’economia e ha prodotto prospettive marcatamente più deboli della domanda esterna e condizioni creditizie più rigide”, ha affermato S&P. “Di conseguenza, prevediamo che l’economia si ridurrà del 4,5% quest’anno”, ha aggiunto.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.