Costa d’Avorio-Burkina Faso: prima operazione antiterrorismo congiunta

Pubblicato il 25 maggio 2020 alle 13:14 in Burkina Faso Costa d'Avorio

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I soldati della Costa d’Avorio e del Burkina Faso hanno condotto la loro prima operazione congiunta contro i jihadisti africani attivi lungo il confine tra i due Paesi. Almeno 8 sospetti terroristi sono stati uccisi e circa 38 catturati, di cui 24 in Burkina Faso e 14 in Costa d’Avorio. Una “base terroristica” è stata distrutta ad Alidougou, nel Burkina Faso, e, durante l’operazione, i militari hanno sequestrato un ingente quantitativo di armi, munizioni e telefoni cellulare.

La missione “Comoe”, che prende il nome dal fiume che scorre tra i due Paesi, è stata lanciata l’11 maggio, con la partecipazione di circa 1.000 soldati ivoriani. L’operazione congiunta tra Burkina Faso e Costa d’Avorio, descritta dai comandanti dei due eserciti come la prima nel suo genere, si è svolta, tra sabato 23 e domenica 24 maggio, a Nord-Est della città ivoriana di Ferkessedougou e a Sud della città burkinabè di Banfora. Il comando militare ha elogiato il “perfetto coordinamento tra i due eserciti”. Alcune fonti locali hanno riferito che la maggior parte dei combattimenti hanno avuto luogo intorno ai villaggi di Tinadalla e Diambeh, nel Nord-Est della Costa d’Avorio. Nonostante una fonte dell’esercito di Yamoussoukro abbia dichiarato che “non esiste alcuna base terroristica sul territorio ivoriano che abbia fatto da zona di rifugio dei jihadisti durante le precedenti offensive da parte dell’esercito del Burkina Faso”, l’agenzia di stampa Agence France Presse sostiene che la presenza di militanti a Nord del parco nazionale del Comoe, in Costa d’Avorio, è stata rilevata più di un anno fa.Fonti di sicurezza burkinabè hanno confermato che si tratta di terroristi che operano nel Burkina Faso e si rifugiano nel Paese vicino.

I gruppi terroristici del Sahelhanno rafforzato e ampliato la loro gamma di operazioni, lasciando i Paesi costieri, come la Costa d’Avorio, con il rischio che la violenza jihadista si riversi sui loro territori.Nell’ultimo anno, gli attacchi jihadisti in Burkina Faso, Mali e Niger si sono intensificati drammaticamente. Secondo i dati delle Nazioni Unite, circa 4000 persone sono rimaste uccise in attentati perpetrati nel 2019 nei tre Paesi. Per quanto riguarda la Costa d’Avorio invece, il Paese è stato per lo più risparmiato dalla violenza che ha colpito negli anni i suoi vicini. Tuttavia, il 13 marzo 2016, la nazione ha subito il suo primo attentato terroristico quando tre militanti di al-Qaeda nel Magherb Islamico (AQIM) hanno fatto irruzione in un resort a Grand-Bassam, nel Sud-Est del Paese, uccidendo 19 persone. Tra le vittime, oltre a 10 cittadini ivoriani, si contarono 4 francesi, 2 libanesi, 1 nigeriano, 1 tedesco e 1 macedone. Secondo le indagini condotte dalle autorità locali, i terroristi provenivano dall’estero. Nello specifico, la mente dell’attentato fu il maliano Kounta Dallah, e la maggior parte degli 80 arrestati nelle settimane successive all’attacco era originaria del Mali, mentre alcuni della Mauritania. Il governo di Yamoussoukro dichiarò che l’attacco era stato architettato e compiuto unicamente da militanti esterni alla Costa d’Avorio, con l’obiettivo di creare caos.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.