Facebook blocca account del leader ceceno Kadyrov

Pubblicato il 14 maggio 2020 alle 8:12 in Cecenia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Mercoledì 13 maggio, Facebook ha bloccato l’account kadyrov._95 su Instagram, che, secondo la compagnia diretta da Mark Zuckerberg, appartiene al sanzionato presidente della Repubblica cecena Ramzan Kadyrov. Lo stesso presidente ceceno, che utilizza tale account per le sue dirette, ha ripetutamente affermato che un addetto stampa gli offre questa opportunità.

“Come società americana, agiamo nel quadro della legislazione statunitense in materia di sanzioni e adottiamo costantemente misure per adempiere ai nostri obblighi legali. In questo caso, abbiamo eliminato gli account di una persona soggetta a sanzioni, proprio come abbiamo fatto con account simili in precedenza” – ha detto all’agenzia di stampa russa TASS un rappresentante di Facebook.

La TASS riferisce di non avere informazioni ufficiali su chi sia il titolare dell’account bloccato. L’agenzia di stampa moscovita afferma di avere richiesto commenti al servizio stampa del capo della Cecenia, ma di non avere finora ricevuto risposta.

Sempre mercoledì 13 maggio, gli account del deputato della Duma di Stato Adam Delimchanov, del presidente del parlamento della Repubblica cecena, Magomed Daudov, e del vice-premier del governo di Groznij, Abuzajd Vismuradov, risultavano non funzionanti.

Le pagine ufficiali Facebook e Instagram di Ramzan Kadyrov sono state bloccate nel 2017. Facebook ha spiegato allora che il motivo del blocco degli account era l’inclusione del suo nome nell’elenco delle persone soggette a sanzioni da parte del governo degli Stati Uniti. Non sono state fornite informazioni ufficiali, né da parte di Facebook né da parte del governo di Groznij, sulla creazione di nuovi account da parte del leader ceceno.

Il 20 dicembre 2017, in ottemperanza al Magnitsky Act, il presidente ceceno è stato fatto oggetto di sanzioni da parte del governo statunitense per “enormi violazioni dei diritti umani riconosciute a livello internazionale”. 

Ramzan Kadyrov è presidente della Cecenia dal 2007. Figlio di Achmad Kadyrov, presidente fino al 2004, è considerato il proconsole di Putin nella repubblica del Caucaso settentrionale. Achmad Kadyrov prese parte alla prima guerra cecena (1993-96) dalla parte degli indipendentisti guidati dal presidente Dudaev, conclusasi con l’indipendenza de facto della Cecenia. Divenne Gran Muftì della repubblica.

Nel corso della seconda guerra cecena (1999-2000), si schierò a fianco di Mosca e, a seguito della vittoria russa, divenne Presidente della repubblica, una delle 23 che integrano la Federazione russa. In seguito all’assassinio di Achmad nel 2004 allo stadio di Groznij, è iniziata la carriera politica di Ramzan. Vicepremier, Premier e infine Presidente della Cecenia in tre anni. La fine ufficiale del conflitto ceceno, nel 2009, ha ridotto la presenza di forze russe nella repubblica e aumentato il potere di Kadyrov. Considerato da alcuni il pacificatore della regione, è accusato di delitti politici e crimini di guerra.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.