Bolsonaro: potrei avere contratto il coronavirus

Pubblicato il 5 maggio 2020 alle 12:42 in America Latina Brasile

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Sotto pressione della magistratura federale, che gli ha ordinato di mostrare i due test per il Coronavirus che aveva fatto e che garantiva che fossero negativi, il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha affermato che, dopotutto, poteva essere già stato infettato. In un’intervista con una stazione radio del sud del Brasile, una regione in cui si era recato in visita ufficiale e ha salutato autorità e sostenitori senza alcuna protezione e senza rispettare le linee guida per il distanziamento sociale, Bolsonaro ha lasciato intendere che potrebbe aver contratto il Covid-19 “senza accorgersene”.

“Potrei aver preso questo virus in passato, forse, forse, e non l’ho nemmeno sentito.” – ha dichiarato Bolsonaro a Rádio Guaíba, di Porto Alegre, capitale dello stato del Rio Grande do Sul. A marzo, quando iniziarono a circolare i sospetti che avrebbe potuto essere infetto, Bolsonaro aveva già detto che avrebbe potuto esserlo stato, sì, ma “in passato”, e in un discorso in televisione ha persino affermato che, a causa della sua “storia di atleta”, se fosse stato infettato non avrebbe sviluppato la malattia.

La questione se il presidente brasiliano sia o è stato a un certo punto infetto dal Coronavirus è diventata una questione giudiziaria e un giudice federale ha dato a Bolsonaro fino a sabato per rivelare i due test che afferma di aver fatto e che in entrambi i casi ha dichiarato di avere ottenuto risultato negativo. Il giudice nel caso, Ana Lúcia Petri Betto, della giustizia federale di San Paolo, aveva già dato al presidente fino a mercoledì scorso per rivelare i suoi test, ma all’ultimo minuto del mandato, gli avvocati del governo, invece dei risultati degli esami, hanno inviato un rapporto dal medico della Presidenza che afferma che erano negativi, un documento che il magistrato ha ritenuto insufficiente.

I dubbi sul fatto che Bolsonaro fosse stato infettato dal Coronavirus o meno acquisirono forza dopo il viaggio che il presidente e una numerosa delegazione fecero negli Stati Uniti. Al loro ritorno, quasi tutti i 25 compagni del presidente brasiliano erano positivi per il Coronavirus, ma il capo dello Stato ha assicurato che il suo test era negativo, così come un secondo che ha fatto pochi giorni dopo.

Se i sospetti che Bolsonaro fosse stato effettivamente infettato dal virus, anche se solo leggermente, sono confermati, il presidente si troverà in una situazione politicamente complicata. Oltre ad essere accusato di mentire nel paese, può essere accusato di diffusione deliberata della malattia, dacché ha ripetutamente violato le regole del parto e ha camminato per le strade di Brasilia, salutando e abbracciando simpatizzanti, e partecipato a manifestazioni con una grande concentrazione di persone.

Ad oggi in Brasile sono stati registrati 108.620 casi di positività al coronavirus e 7.367 morti.

Leggi Sicurezza internazionale il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di portoghese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.