La Germania allenta il lockdown tra i rischi di una nuova impennata di contagi

Pubblicato il 1 maggio 2020 alle 14:15 in Europa Germania

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Germania riaprirà i campi da gioco, i musei e le chiese a partire da lunedì 4 maggio, per accompagnare la riapertura dei piccoli negozi che hanno ripreso le loro attività questa settimana, e deciderà a breve su scuole ed eventi sportivi, preparandosi ad uscire dal blocco. Tuttavia, la cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha avvertito che potrebbe esserci il rischio di nuova impennata di contagi se le persone dovessero abbandonare la guardia e non rispettare le distanze sociali. “Dobbiamo lavorare per assicurarci di ridurre ulteriormente il numero di nuove infezioni”, ha dichiarato la Merkel, precisando: “Se la curva di infezione diventa di nuovo ripida, dobbiamo disporre di un sistema di allerta per adeguarci in tempo ed essere in grado di agire”.

Secondo gli esperti, la Germania ha gestito meglio la pandemia di coronavirus rispetto agli Stati Uniti, alla Gran Bretagna e all’Italia, grazie soprattutto a test antivirali diffusi, a un efficiente sistema sanitario e a rigide misure di blocco introdotte a partire da metà marzo. Il partito della Merkel, lUnione Cristiano-Democratica, e i suoi partner della coalizione socialdemocratica (SPD) hanno approvato un pacchetto di salvataggio da 750 miliardi di euro per mitigare l’impatto economico della crisi. La sua leadership schietta, la strategia di comunicazione chiara e calma, il ricorso ai dati scientifici e le richieste di unità nella lotta contro il virus hanno contribuito ad alimentare il supporto nei confronti della sua figura e, in generale, in quella dei conservatori, che sono saliti nei sondaggi a circa il 40%. Il capo dello staff della cancelliera, Helge Braun, ha affermato che le misure di allontanamento sociale, l’obbligo di indossare le mascherine e di rimanere ad almeno 1,5 metri di distanza dalle altre persone rimarranno in vigore almeno fino al 10 maggio. Qualsiasi ulteriore allentamento, ha specificato Braun, dipenderà da quanto rimarrà basso il tasso di infezione. I 16 Stati federali tedeschi stanno lavorando a un piano per riaprire bar e ristoranti e per consentire lattività sportiva. La Merkel ha però precisato che tutti gli eventi più grandi, come i concerti e le competizioni sportive, non avranno luogo prima del 31 agosto.

La prospettiva di un ritorno a una sorta di normalità è stata resa possibile da un calo del numero di infezioni a poco meno di 1.500 al giorno, rispetto alle oltre 6.000 registrate durante il suo apice, all’inizio di aprile. Mentre la Germania ha il sesto numero più alto di contagi confermati, con oltre 162.000 persone infette, sullo stesso livello di Francia e Gran Bretagna, ha registrato circa un quarto dei loro morti, che risultano poco più di 6.500. È un risultato che la Merkel è ansiosa di mantenere e migliorare per evitare di essere costretta a soffocare ulteriormente l’economia, che dovrebbe ridursi di oltre il 6% quest’anno. La cancelliera ha affermato che le misure per regolare l’industria automobilistica, che è il settore più importante della Germania in termini di esportazioni e occupazione, dal momento che dava lavoro a oltre 800.000 persone prima della crisi, saranno discusse nell’ambito di un pacchetto fiscale finalizzato a riavviare tutta l’economia.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.