NATO: vertice trilaterale tra Turchia, Polonia e Romania

Pubblicato il 29 aprile 2020 alle 15:40 in NATO Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I ministri degli Esteri di Turchia, Mevlut Cavusoglu, Polonia, Jacek Czaputowicz, e Romania, Bogdan Aurescu, hanno avuto un vertice trilaterale per discutere della sicurezza del fianco orientale della NATO. 

Nello specifico, nel corso del vertice in videoconferenza, il quale si è tenuto nella serata del 28 aprile, i tre ministri hanno ricordato che tali incontri sono consueti e sono finalizzati a individuare come reagire con più efficacia alle evoluzioni degli scenari securitari nella regione, dato che, come evidenziato da Czaputowicz, i tre Paesi sono “i pilastri del fianco orientale della NATO”. 

In aggiunta, come sottolineato al termine del vertice dal ministro polacco, ciò assume particolare valore alla luce dell’emergenza sanitaria in atto, per cui diventa ancora più importante anche il continuo sostegno e mantenimento dell’unione e della solidarietà tra tutti i membri della NATO. In tale clima, l’agenzia stampa turca, Anadolu, ha evidenziato che nel corso del vertice i tre ministri hanno avuto modo di scambiarsi le rispettive opinioni in merito alle azioni da intraprendere nella lotta al coronavirus. 

Durante l’incontro, è stato anche affrontato il tema della cooperazione tra i tre Paesi volta a mantenere la stabilità nei Paesi vicini ai membri della NATO, con particolare riferimento all’Ucraina, alla Georgia e ai Balcani occidentali. In aggiunta, CavusogluCzaputowicz e Aurescu hanno anche discusso della strategia trilaterale da adottare in virtù degli sviluppi in Africa, Medio Oriente e Afghanistan. 

In tale contesto, i tre ministri hanno riepilogato le iniziative trilaterali che verranno avviate nei prossimi mesi, in particolare per quanto riguarda l’incremento dell’impegno di ciascuno dei tre Paesi all’interno della NATO e dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE). In aggiunta, CavusogluCzaputowicz e Aurescu hanno discusso delle attività che i rispettivi Stati svolgeranno insieme in alcune capitali di Paesi partner. 

I vertici trilaterali tra Turchia, Polonia e Romania si svolgono regolarmente ogni anno dal 2012, ma è dal 2016, rivela il Daily Sabah, che vedono la partecipazione dei ministri degli Esteri. Nel 2019, i tre ministri si erano incontrati ad Ankara, mentre, per il 2020, l’incontro è in programma a Bucarest. 

La sicurezza del fianco orientale della NATO, in aggiunta, era già stata al centro di un altro vertice, al quale avevano partecipato, lo scorso 17 dicembre, i ministri della Difesa di Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia. In tale occasione, il ministro estone, Juri Luik, aveva evidenziato l’importanza della partecipazione della Polonia, dato il livello di cooperazione tra Tallinn e Varsavia, in crescita grazie alla ricezione di capacità di difesa e deterrenza. Ciò è stato possibile grazie all’accordo siglato tra Varsavia Washington, che aveva deciso di trasferire in Polonia 5.500 soldati americani in Germania, accusata di non avere “sufficientemente aumentato la propria spesa militare”. 

Successivamente, il 2 gennaio, in occasione dell’assunzione, per la prima volta, da parte della Polonia del comando della Task Force congiunta di intervento rapido della NATO, il ministro della Difesa polaccoMariusz Blazsczak, aveva sottolineato che il crescente impegno di Varsavia nella NATO ha contribuito nel tempo ad innalzare la fiducia degli altri Paesi membri verso la Polonia, i cui soldati sono sempre più impegnati in missioni e operazioni dell’Alleanza Atlantica. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale 

Jasmine Ceremigna

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.