Il Pakistan registra il maggior numero di decessi per coronavirus

Pubblicato il 28 aprile 2020 alle 18:06 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Pakistan ha registrato il maggior numero di morti per coronavirus, il 27 aprile, con almeno 20 decessi, che portano il bilancio del Paese a 301 vittime dall’inizio della pandemia. 

I casi di infezione nella nazione dell’Asia meridionale sono in aumento, con 751 nuovi malati registrati il 27 aprile, portando il numero complessivo a 14.079. Finora, almeno 3.233 pazienti, il 23% dei casi complessivi, sono guariti, lasciando 10.545 casi attivi in un Paese che possiede una debole infrastruttura sanitaria. Il governo ha costruito diversi ospedali di fortuna, per sopperire alle mancanze. In tale contesto, il primo ministro, Imran Khan, ha avvertito che i casi potrebbero aumentare, a metà maggio, probabilmente travolgendo la capacità del sistema sanitario.

Il 27 aprile, Khan ha presieduto un incontro di funzionari di alto livello per discutere la risposta del governo alla crisi. In tale occasione, il ministro della Sanità, Zafar Mirza, ha riferito che “il numero di casi di coronavirus e il tasso di mortalità in Pakistan sono più bassi rispetto al resto del mondo”. Khan poi ha ribadito che il suo governo stava cercando di “bilanciare la necessità di tutelare i cittadini e la continuazione dell’attività economica”. Nella stessa riunione, il ministro delle Industrie, Hammad Azhar, ha dichiarato che l’esecutivo pagherà l’elettricità per le piccole imprese qualificate per un massimo di 3 mesi, per sostenerle durante la crisi.

Il governo di Khan ha riaperto diversi settori dell’economia, sostenendo che l’aumento della disoccupazione potrebbe uccidere più persone del virus. I casi sono in aumento, tuttavia, con il numero di infetti che raddoppia all’incirca ogni 11 giorni, mentre il numero di vittime è raddoppiato in soli 8 giorni. L’ultimo aumento arriva una settimana dopo che il precedente numero più alto di decessi giornalieri, 17, era stato registrato nel Paese. Sempre il 27 aprile, il ministro degli Interni, Ijaz Shah, ha richiesto maggiori restrizioni sui viaggi in autobus interurbani nei fine settimana, impedendo ai lavoratori di tornare nei loro villaggi di origine. Imran Ismail, il governatore della provincia meridionale di Sindh, dove si trova la più grande città del Paese, Karachi, ha dichiarato di essere risultato positivo al test per il COVID-19.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.