Spagna: arrestato uno dei membri dell’ISIS più ricercati d’Europa

Pubblicato il 22 aprile 2020 alle 19:21 in Spagna UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Uno dei terroristi più ricercati d’Europa, il combattente dell’ISIS Abdel-Majed Abdel Bary, è stato arrestato dalla polizia spagnola. 

L’arresto, avvenuto martedì 21 aprile, è scattato in seguito a un blitz della polizia della Spagna in un appartamento di Almeria, nel Sud del Paese, dove insieme a Bary le autorità hanno prelevato altri due uomini. Tuttavia, la polizia spagnola non ha ancora rivelato se i due soggetti sono membri dell’ISIS a loro volta.  

A tale riguardo, la BBC rivela che i tre uomini avevano affittato un appartamento ad Almeria per rispettare le misure restrittive imposte alla luce del coronavirus, dopo essere entrati clandestinamente nel Paese. Durante la loro permanenza ad Almeria, tutti e tre sono usciti molto raramente, indossando costantemente le mascherine. 

Abdel-Majed Abdel Bary, un ex-rapper di 29 anni del Regno Unito originario del quartiere Maida Vale di Londra, possedeva la doppia cittadinanza, inglese ed egiziana, fino quando aveva deciso di lasciare il proprio Paese per unirsi allo Stato Islamico, partendo per Raqqa nel luglio del 2013. Da quel momento, fino al 2015, Abdel Bary è stato uno tra i principali promotori delle attività dell’ISIS, postando numerose foto in cui posava con i resti delle vittime decapitate, oltre a frequenti minacce contro i Paesi occidentali. 

Dalla fine del 2015, però, la polizia turca, cui gli ufficiali britannici avevano chiesto di ricercare il giovane combattente, aveva dichiarato di aver perso le sue tracce e ciò aveva portato le autorità ad avere due ipotesi. La prima consisteva nella morte del combattente, data la caduta dell’ISIS. La seconda ipotesi, invece, era l’utilizzo da parte di Bary della rotta migratoria del Mediterraneo orientale, molto attiva nel 2015, grazie alla quale avrebbe potuto raggiungere l’Europa centrale passando per la Grecia. Tuttavia, Reuters rivela che i tre combattenti sono giunti in Spagna dopo essere partiti dal Nord Africa. 

Durante la sua permanenza al fianco dello Stato Islamico, alcuni esperti sostenevano che Bary fosse la vera identità del combattente noto come Jihadi John, esecutore di numerose decapitazioni di vittime, filmate e in seguito diffuse. Tuttavia, successivamente, le autorità avevano scoperto che Jihadi John era in realtà Mohammed Emwazi, con il quale Bary aveva avuto contatti grazie ai circoli islamici dei quartieri di Londra Ovest, ma con cui non ha, secondo le autorità, collaborato in Siria.  

In aggiunta, il giovane catturato in Spagna risulta essere il figlio di Adel Abdel Bary, giudicato nel 2014 responsabile a sua volta degli attentati del 1998 contro le Ambasciate degli Stati Uniti in Kenya e in Tanzania che avevano causato la morte di 224 persone. Abdel Bary padre si trova attualmente negli Stati Uniti, dove sta scontando la condanna a 25 anni di reclusione. 

Secondo le autorità, Bary aveva una fidanzata in Spagna, conosciuta online nel 2017. Da quel momento, il combattente ha continuato ad essere attivo sul web, dove però ha utilizzato numerosi alias. 

Sulla personalità del terrorista, la polizia spagnola ha dichiarato che sono presenti caratteristiche particolari, avendo un profilo criminale estremamente violento, il quale ha richiamato l’attenzione della polizia locale e dei servizi segreti dell’intera Europa. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale   

Jasmine Ceremigna 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.