Corea del Nord: dubbi sulla salute di Kim Jong Un

Pubblicato il 21 aprile 2020 alle 16:20 in Asia Corea del Nord

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo della Corea del Sud ha smentito le notizie riguardanti un intervento al cuore del leader nordcoreano, Kim Jong Un, che riferivano che questo fosse in pericolo di vita, dopo la sua assenza ad un’importante celebrazione. 

Un sito web gestito da individui fuggiti dalla Corea del Nord, il 21 aprile, ha riferito che Kim si stava riprendendo in una villa nel resort di Mount Kumgang dopo un intervento chirurgico effettuato il 12 aprile. La CNN ha poi scritto che il leader nordcoreano era in “grave pericolo” di vita. Tuttavia, due fonti governative hanno smentito la notizia e la Blue House presidenziale sudcoreana ha affermato che non c’erano segnali insoliti provenienti dal Nord.

Riportare notizie dalla Corea del Nord è notoriamente difficile, soprattutto su questioni riguardanti la leadership del Paese. Chad O’Carroll, amministratore delegato del Korea Risk Group, che controlla alcuni media, ha chiesto cautela. “È da notare che Kim Jong Un è scomparso per tutta la scorsa settimana, nonostante le festività del 15 aprile”, ha scritto su Twitter. “Dovrebbe essere riconosciuto che al momento ci sono molte voci sullo stato della sua salute. Alcuni addirittura ripetono le cose che abbiamo sentito quando era scomparso nel 2014”, ha aggiunto. 

Kim Jong Un non ha partecipato alla cerimonia per celebrare una delle festività più importanti di Pyongyang: la commemorazione del compleanno di suo nonno, considerato il fondatore del Paese, Kim Il Sung. Si tratta della sua prima assenza a tale evento da quando ha preso il potere nel 2011. Le foto ufficiali, pubblicate il 16 aprile, hanno mostrato alti funzionari della Corea del Nord in visita al Palazzo del Sole di Kumsusan durante il 108° anniversario della nascita di Kim Il Sung, il 15 aprile. Tra gli alti funzionari presenti c’erano Pak Pong Ju, che ha prestato servizio 2 volte come primo ministro del Paese, e Choe Ryong Hae, un ufficiale militare e il capo dell’Assemblea della Corea del Nord. 

La commemorazione del 15 aprile è anche conosciuta come il “Giorno del Sole”, in riferimento al titolo attribuito al leader che guidò la Corea del Nord dopo la sua divisione dal Sud. Anche la sorella dell’attuale leader e sua stretta aiutante, Kim Yo Jong, che è responsabile della propaganda, non era presente all’evento. L’assenza di Kim Yong Un arriva dopo che il capo supremo aveva ordinato, il 13 aprile, un rimpasto della Commissione per gli Affari di Stato, il più alto organo decisionale del Paese, e la sostituzione di oltre un terzo dei suoi membri, inclusi 2 funzionari che servivano come ministri degli Esteri, Ri Yong Ho e Ri Su Yong.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.