USA: Sanders si ritira dalle primarie democratiche

Pubblicato il 8 aprile 2020 alle 19:45 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il senatore statunitense, Bernie Sanders, si è ritirato dalle primarie democratiche, l’8 aprile, aprendo la strada a Joe Biden per sfidare il presidente Donald Trump nelle elezioni di novembre 2020.

“Vorrei potervi dare notizie migliori, ma penso che sappiate la verità, e cioè che ora siamo circa 300 delegati dietro il vicepresidente Biden, e il percorso verso la vittoria è praticamente impossibile”, ha dichiarato Sanders in livestream. “Quindi, anche se stiamo vincendo la battaglia ideologica e anche se stiamo guadagnando il sostegno di così tanti giovani e lavoratori in tutto il Paese, ho concluso che questa battaglia per la nomina democratica non avrà successo. E così oggi annuncio la sospensione della mia candidatura”, ha aggiunto.

Il ritiro di Sanders arriva a seguito di un sorprendente risultato per il senatore del Vermont, a seguito di una forte performance nei primi 3 Stati che hanno votato. Sembrava che Sanders potesse vincere la nomination, fino a quando, il 29 febbraio, Biden ha conseguito una straordinaria vittoria in South Carolina che ha innescato un consolidamento degli elettori moderati attorno all’ex vicepresidente. Il ritiro mette ora fine alle primarie democratiche, in un momento di particolare crisi nel Paese, a causa della pandemia di coronavirus, che aveva rallentato la campagna elettorale sia di Sanders sia di Biden. 

Joe Biden, 77 anni, vicepresidente dell’amministrazione Obama. In precedenza, ha servito per quasi 40 anni al Congresso. Biden è reduce da una grande vittoria nella Carolina del Sud, che lo ha fatto tornare in gara, dopo aver ricevuto l’appoggio di due candidati ritirati: Pete Buttigieg e Amy Klobuchar. Bernie Sanders, 78 anni, senatore del Vermont, si autodefinisce un socialista democratico e rimane tra i favoriti dopo aver vinto in New Hampshire e in Nevada, nonché il voto popolare in Iowa. Il senatore, tuttavia, divide l’elettorato democratico a causa di una salute cagionevole e delle sue posizioni molto drastiche in politica interna ed estera. Tra le altre, il senatore aveva proposto riforme radicali per intervenire sul problema del debito studentesco. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.