Francia-Regno Unito: aumentano i migranti che attraversano la Manica

Pubblicato il 6 aprile 2020 alle 17:03 in Francia UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 80 migranti hanno lasciato il Nord della Francia, attraverso il canale della Manica, per raggiungere il Regno Unito, che rimane isolato per arginare la diffusione del coronavirus.

Le autorità di frontiera hanno intercettato 8 imbarcazioni, tra il 4 il 5 aprile, che cercavano di compiere il pericoloso viaggio, nonostante vi fossero severe restrizioni ai viaggi tra Francia e Regno Unito. Il tempo soleggiato nel Sud-Est dell’Inghilterra potrebbe aver contribuito all’aumento dei tentativi di attraversare lo stretto stretto di Dover. Complessivamente quasi 150 migranti, tra cui otto bambini, sono partiti durante le due settimane da quando il Primo Ministro inglese, Boris Johnson, ha annunciato restrizioni nazionali ai movimenti in Regno Unito.

L’aumento dei tentativi di attraversamento del 4 e 5 aprile è arrivato dopo che i primi casi di Covid-19 sono stati confermati nei campi profughi nel Nord della Francia, sollevando il timore di un “disastro umanitario”. Natalie Elphicke, parlamentare di Dover, ha dichiarato che questi eventi sono “del tutto inaccettabili” e che i migranti non devono essere portati a Dover. Negli fine settimana, la polizia di confine ha intercettato 5 imbarcazioni: 4 mezzi sono partiti sabato 4 aprile e una, invece, domenica 5 aprile. Inoltre, le autorità francesi hanno intercettato 15 migranti, tra cui due donne e un bambino, al largo della costa di Boulogne-sur-Mer, il 4 aprile. 

Per quanto riguarda gli attraversamenti della Manica, verso le 2.20 del 4 aprile, le forze di sicurezza hanno intercettato un gommone che trasportava 15 uomini. Successivamente, alle 5.40 del mattino dello stesso giorno, un gruppo di 12 uomini e 3 donne sono stati trovati a bordo di un’altra imbarcazione. Anche verso le 5.40 del mattino è stata fermata una nave che trasportava 9 uomini. Quindi, verso le 6 del mattino, la polizia di confine ha salvato un gruppo di 13 uomini e una donna da un quarto gommone. Alle 5 circa di domenica 5 aprile, le autorità hanno infine intercettato una barca che trasportava 12 uomini.

Tutte le persone a bordo sono state portate a Dover, dove si prevede che saranno stati monitorati per 2 settimane, per assicurarsi che non siano affetti dal coronavirus. A seguito di tali eventi, la parlamentare inglese, Natalie Elphicke, ha dichiarato: “Sapendo che il Covid-19 ha infettato i campi francesi, è preoccupante che altri 53 migranti siano stati in grado di partire dalla Francia”. “È assolutamente inaccettabile che gli ufficiali delle forze di frontiera e la nostra comunità siano messi a rischio da persone che irrompono illegalmente in Gran Bretagna”, ha affermato. La donna ha poi chiesto che questi migranti vengano riportati in Francia, poichè la Gran Bretagna non può esporsi ad ulteriori rischi, durante questa pandemia. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.