Coronavirus, Ecuador: Guayaquil diventa la “Wuhan latinoamericana”

Pubblicato il 2 aprile 2020 alle 12:24 in America Latina Ecuador

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Guayaquil è la Wuhan dell’America Latina. Nella più grande città dell’Ecuador è stato rilevato il primo caso, importato dalla Spagna, e in poche settimane Guayaquil è diventata il principale focolaio del Paese, con il 70% dei 2.758 positivi, ed è il luogo dove sono state imposte misure più forti all’inizio dello stato di emergenza. Dopo due settimane di coprifuoco e sospensione della giornata lavorativa, prorogata fino al 5 aprile, Guayaquil è il prisma che rivela la disperazione della popolazione per la morte dei propri cari e l’incapacità delle autorità di agire in tempo. Secondo dati ufficiali, 98 persone sono morte in Ecuador, di cui almeno 60 a Guayas, la provincia il cui capoluogo è Guayaquil. Inoltre, ci sono altri 76 decessi che non possono essere confermati come collegati a Covid-19, perché i test non sono arrivati in tempo o non fornivano risposte definitive. Tuttavia, le autorità indicano Covid-19 come la probabile causa della morte. 

Al 1 aprile, in tutta l’America Latina, solo lo stato di San Paolo, in Brasile, ha dati peggiori, con circa 2500 casi e 140 morti confermate. Sono tuttavia dati assoluti, perché se si considera che nello stato di San Paolo vivono 45 milioni di persone e nella provincia ecuadoregna di Guayas ne vivono 3,3 milioni, si capisce perché Guayaquil è al centro della preoccupazione degli esperti ed è diventata la “Wuhan latinoamericana”.

Inoltre, a contrastare le cifre ufficiali, vi è un’ondata di protesta sui social network da parte delle famiglie Guayaquil che hanno perso un familiare con sintomi quali tosse, febbre e insufficienza respiratoria ed hanno dovuto attendere per giorni che qualcuno rimuovesse i cadaveri. Fino a quattro giorni di attesa con il cadavere in casa, secondo alcune denunce. Altri hanno depositato i corpi dei familiari defunti sul marciapiede. Tutti concordano nel sostenere che nessuno è apparso a prenderli nonostante le ripetute chiamate al 911, il numero di emergenza. Numerose famiglie denunciano che coloro che sono morti in casa non sono inclusi nelle statistiche, in quanto nessun tampone è stato loro effettuato.

Il governo ecuadoriano, inizialmente riluttante a collegare questa situazione con l’impatto del virus nel Paese, ha finito per riconoscerlo e ha annunciato che presenterà un rapporto settimanale sui decessi. “In circostanze normali abbiamo 6.000 morti al mese nel Paese. A Guayaquil, a gennaio, abbiamo avuto 828 morti. In questo momento abbiamo lo stesso numero di morti, ma aggravato dalle circostanze” – spiega un portavoce del governo di Quito. Questi decessi non possono essere collegati al coronavirus se non vengono eseguiti i test. L’Ecuador, nonostante sia il secondo paese della regione in decessi dopo il Brasile e il terzo in infezioni dietro Brasile e Cile, è uno dei Paesi dove meno campioni sono stati presi: 9.019.Per fare un confronto, paesi come Panama, Costa Rica e Uruguay, hanno effettuato il triplo dei test. In Europa, la sola regione Calabria, in Italia, con 669 casi e 38 decessi, ne ha effettuati 9.983; la Regione di Murcia, in Spagna, con 714 casi e 15 morti ne ha effettuati poco meno di 9.500. 

“Il test è l’unica cosa che conferma che le morti sono state causate da Covid-19. Avremo più dati quando arriveranno i test rapidi” – ha indicato il viceministro della Salute, Ernesto Carrasco per smorzare le polemiche. Mercoledì 1 aprile c’è stato un picco di casi confermati, 408 in più rispetto al giorno precedente.

I servizi di emergenza affermano di aver ricevuto molte più chiamate del solito in un giorno per raccogliere i corpi a casa: 40, hanno assicurato, rispetto alle 14 morti in casa che, in media, si verificano ogni giorno a Guayaquil. Più tardi, la polizia ha fornito un’approssimazione più ravvicinata delle dimensioni dell’impatto del coronavirus nella città più grande del Paese: 450 corpi nella lista di attesa da rimuovere, secondo quanto riferisce il quotidiano El Universo. Infine, il registro civile ha iniziato a registrare fino a cento certificati di morte al giorno con un picco molto più pronunciato all’inizio di questa settimana a Guayas. Ma tutte queste cifre, nonostante l’eccezionale aumento in così pochi giorni, non possono essere esclusivamente, accuratamente e ufficialmente correlate al coronavirus a causa della mancanza di diagnosi. Anche con le cifre ufficiali, tuttavia, la sola Guayaquil registra più casi di sette paesi della regione (Perù, Argentina, Colombia, Uruguay, Paraguay, Bolivia e Venezuela).

Ciò che le statistiche e le denunce dei cittadini hanno generato è stata la reazione del governo. Innanzitutto, ha proposto di aprire uno spazio per le sepolture collettive. Si è parlato tra le autorità municipali di Guayaquil di una fossa comune che è stata infine riconsiderata per garantire tombe personalizzate. In secondo luogo, ai cimiteri è stato permesso di prolungare l’orario di lavoro fino alle cinque del pomeriggio, oltre il coprifuoco delle 14:00 per ridurre le file di attesa alle loro porte, e i fornitori di servizi funebri lavorano senza sosta. Inoltre, le forze armate si sono unite ai paramedici nel compito di raccogliere i defunti, sia naturali che sospetti di coronavirus, la burocrazia per le famiglie è stata snellita e sono stati assunti container refrigeranti per preservare i corpi che non possono essere trasportati negli ospedali per mancanza di spazi fino a quando non siano adeguatamente sepolti. 

 

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.