ONU: revocare le sanzioni a causa del coronavirus

Pubblicato il 31 marzo 2020 alle 20:27 in America Latina Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un’esperta di diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto di revocare le sanzioni internazionali contro Siria, Iran, Cuba e Venezuela per garantire che le forniture alimentari raggiungano la popolazione durante la pandemia di coronavirus.

“La continua imposizione di paralizzanti sanzioni economiche contro Siria, al Venezuela, all’Iran, a Cuba e, in misura minore, allo Zimbabwe, per nominare i casi più importanti, mina gravemente il diritto fondamentale dei cittadini ordinari a ricevere cibo sufficiente e adeguato”, ha denunciato Hilal Elver, relatrice speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo. Elver, un’esperta indipendente del settore, ha affermato che si tratta di “urgenza umanitaria e pratica” ed è necessario “revocare immediatamente sanzioni economiche unilaterali”.

Anche la responsabile dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, Michelle Bachelet, ex presidentessa del Cile e medico, ha lanciato un appello per allentare o sospendere le sanzioni debilitanti. “È di vitale importanza evitare il collasso del sistema medico di qualsiasi Paese – dato l’impatto esplosivo che avrà sulla morte, la sofferenza e un contagio più ampio”, ha affermato la Bachelet in una nota. “Gli ostacoli all’importazione di forniture mediche indispensabili, tra cui l’eccessivo rispetto delle sanzioni da parte delle banche, creeranno danni duraturi alle comunità vulnerabili”, ha aggiunto.

In tale contesto, l’Iran è il Paese più colpito dalla pandemia in Medio Oriente ed anche dalle sanzioni unilaterali. Gli Stati Uniti hanno imposto una nuova serie di sanzioni contro l’Iran, il 26 marzo, ai danni di persone e società presumibilmente legate ai Guardiani della Rivoluzione Islamica (IRGC). Anche il 19 marzo, Washington ha imposto nuove sanzioni contro 5 società, per rapporti commerciali con l’Iran. Tali decisioni mostrano che la Casa Bianca non ha alleggerito la sua campagna di massima pressione contro Teheran, nonostante gli appelli della Cina e di altri Stati ad allentare la tensione, per motivi umanitari legati allo scoppio del coronavirus.

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.