Putin: la Russia può vincere il coronavirus in tre mesi

Pubblicato il 27 marzo 2020 alle 10:47 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente russo Vladirmir Putin ha affermato che la Russia ha adottato una serie di misure globali per affrontare l’epidemia COVID-19 nelle ultime settimane, stabilendo restrizioni di viaggio, limitazioni agli spostamenti, quarantena per le persone infette, dieci giorni di interruzione di tutte le attività lavorative e scolastiche e prove rapide per rendere quanto prima disponibile un vaccino efficace a seguito di test clinici in fase già avanzata.

Putin, in un vertice con gli imprenditori russi,  si è detto fiducioso che la che la Russia fermerà la diffusione dell’epidemia di coronavirus e ha affermato che è solo una questione di tempo e che dipende dall’efficienza delle attività congiunte e coordinate tra Stato, società e imprese.

“Quando la situazione cambierà, cambierà sicuramente in meglio, questo è certo al 100%. La questione, ovviamente, è la durata, e di conseguenza l’efficacia del lavoro congiunto, nostro e di tutte le persone che usano i vostri contenuti gratuiti o i vostri prodotti oggi e che rimarranno vostri clienti in futuro” – ha dichiarato il presidente, parlando in una riunione in teleconferenza con gli imprenditori giovedì 26 marzo.

“Non banalizzerò la gravità della situazione, perché siete tutti informati, consultate fonti su Internet e i media federali e vedete cosa sta succedendo nel nostro Paese e all’estero” – ha affermato Putin. “Abbiamo due problemi: il mercato del petrolio è effettivamente crollato, seguito da quello di altre risorse energetiche, e poi questo virus è entrato con forza nel Paese. Pertanto, dobbiamo, non vogliamo, ma dobbiamo lavorare in diverse direzioni contemporaneamente. Certo, lo ho già detto e ancora una volta voglio ripeterlo: il compito più importante è preservare la vita e la salute dei cittadini, questo è ovvio. Ma è anche ovvio che se l’economia collassa, allora non ci saranno risorse per risolvere questo compito più importante”.

Esprimendo fiducia nella risposta russa all’espansione di COVID-19, Putin ha dichiarato di ritenere che la Russia potrebbe sconfiggere il virus in meno di tre mesi.

“Un vostro collega crede che supereremo il coronavirus in due o tre mesi. Questa è una buona previsione. Perché in alcuni Paesi dicono che la guerra contro di esso durerà per molto tempo. Ma usciremo davvero da questa situazione, ne usciremo di sicuro, io spero anche prima di quanto si pensa” – ha concluso il presidente.

Durante l’incontro, i rappresentanti delle imprese hanno proposto di semplificare la procedura per la certificazione di articoli come le attrezzature disinfettanti, rispetto all’attuale processo che richiede da 3 a 6 mesi. Putin ha accolto con favore l’idea, affermando che lo Stato farà la sua parte per attuare quanto proposto, ribadendo tuttavia che una misura di controllo deve rimanere in vigore per garantire la qualità dei prodotti. 

Putin ha anche discusso con gli imprenditori delle misure economiche che ha annunciato mercoledì nel suo discorso alla nazione, ricordando il sostegno finanziario per le imprese e le famiglie, tra cui una sospensione dell’imposizione fiscale di sei mesi per le piccole imprese e misure di intervento da parte della Banca centrale per prevenire licenziamenti e fallimenti.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.