Il Senato degli USA approva misure economiche da 2 trilioni

Pubblicato il 26 marzo 2020 alle 17:15 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Dopo lunghe discussioni, il Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che prevede misure economiche per 2 trilioni di dollari per affrontare la pandemia di coronavirus.

Il voto del 25 marzo ratifica un accordo politico tra i rappresentanti democratici del Senato, i repubblicani e la Casa Bianca, dopo numerose discussioni. Il disegno di legge deve ora passare l’ultima votazione finale, che sarà probabilmente prevista per la fine di questa settimana. La legislazione è ora in fase di revisione presso la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. Se questa avrà esito positivo, sarà il più grande pacchetto di salvataggio mai approvato dal Congresso. Il presidente, Donald Trump, da parte sua, ha dichiarato che sottoscriverà la misura non appena questa raggiungerà la sua scrivania.

“È una buona notizia per i medici e le infermiere nei pronto soccorso di tutto il Paese, che stanno aspettando più mascherine e più finanziamenti”, ha dichiarato il leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell. “Farà arrivare nuove risorse in prima linea per la lotta sanitaria della nostra nazione e inietterà trilioni di dollari nell’economia, il più rapidamente possibile”, ha aggiunto. I mercati azionari statunitensi hanno aperto in rialzo, dopo l’annuncio dell’accordo bipartisan sulla misura.

La presidentessa della Camera, Nancy Pelosi, il 25 marzo, ha dichiarato: “L’America sta affrontando una grave crisi sanitaria che avrà un grave impatto sulla nostra economia”. “Questa legge bipartisan ci porta molto lontano nel soddisfare le esigenze del popolo”, ha aggiunto. Il disegno di legge, tuttavia, non esaurisce tutte le richieste dei democratici, ma questi sostengono che la Camera rivedrà il testo, quanto possibile. Al momento, il pacchetto comprende: 500 miliardi per un istituto di prestito del Dipartimento del Tesoro a sostegno delle aziende statunitensi; 350 miliardi per le piccole imprese; 100 miliardi per ospedali, infermieri e medici; 150 miliardi per i governi statali e locali; 300 miliardi di pagamenti diretti per la maggior parte dei cittadini. Fino a 1.200 dollari per ogni adulto e 500 dollari per bambino, erogabili in circa 3 settimane. Una tipica famiglia di quattro persone otterrebbe circa 3.400 dollari.

Tuttavia, per l’ultima misura, sono escluse le persone che guadagnano più di 100.000 dollari all’anno e le famiglie che ne totalizzano più di 150.000. Infine, sono stati previsti 250 miliardi di indennità di disoccupazione federali. “Ci sono grandi risorse per aiutare le famiglie in difficoltà, per fornire aiuto ai lavoratori e consentire alle aziende di mantenere i propri dipendenti durante questa crisi”, ha affermato il senatore repubblicano, John Thune. “Questa è una legge pro-lavoratori. Si tratta di mettere le buste paga nelle mani dei lavoratori americani”, ha aggiunto. Il passaggio al Senato è arrivato dopo diversi giorni di estenuanti colloqui tra le parti. “Dopo notti senza sonno e negoziazioni, abbiamo un accordo bipartisan sul più grande pacchetto di salvataggio nella storia americana”, ha dichiarato il leader democratico del Senato, Chuck Schumer. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.