Mosca invita NATO a rinunciare alle esercitazioni per il 75° anniversario della Vittoria sul nazismo

Pubblicato il 25 marzo 2020 alle 6:23 in NATO Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Mosca ha invitato i paesi europei ad abbandonare la fase attiva delle esercitazioni Defender 2020 della NATO durante la celebrazione del 75° anniversario della Vittoria sul nazismo. A riferirlo è il vice ministro degli Esteri russo Alexander Grushko.

“È assolutamente chiaro per noi che quando il mondo intero si inchinerà davanti al ricordo di coloro che hanno sconfitto il nazismo, coloro che hanno liberato l’Europa, i centri di propaganda occidentale promuoveranno la loro campagna di informazione, accusando la Russia di aggressività e di tutti gli altri tipi di peccati possibili. Escludo che i pianificatori della NATO non abbiano tenuto conto di tutto ciò. Abbiamo dunque invitato i paesi europei ad abbandonare la fase attiva delle esercitazioni in quel periodo di tempo”, ha affermato Grushko.

“Sullo sfondo della pandemia del nuovo coronavirus, siamo convinti che tutti gli strumenti di cooperazione internazionale, compresi quelli militari, siano estremamente richiesti. E la situazione attuale mostra l’assoluta stupidità – non posso dire diversamente – delle decisioni prese dagli Stati Uniti per interrompere tutti i contatti lungo la linea militare”, ha dichiarato il vice ministro degli Esteri.

Lunedì, il Comando europeo degli Stati Uniti (EUCOM) ha riferito che, a causa della pandemia del coronavirus, il Pentagono ha impedito ai militari di trasferirsi in Europa per le esercitazioni. Prima di questo, il comando ha riferito che gli Stati Uniti stanno riducendo il numero di soldati che parteciperanno agli esercizi. La parte finale di Defender Europe, secondo i piani, avrebbe dovuto svolgersi dal 20 aprile al 20 maggio nella Repubblica Federale Tedesca, in Polonia e nel Baltico, con la partecipazione di 37.000 soldati provenienti da 18 paesi.


Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di russo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.