Coronavirus: El Salvador contro il Messico

Pubblicato il 18 marzo 2020 alle 6:25 in America centrale e Caraibi Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente salvadoregno, Nayib Bukele , questo lunedì 16 marzo ha impedito l’arrivo di un volo dal Messico a San Salvador, in cui, dice, ci sono 12 casi di positività al coronavirus. “Sono irresponsabili le autorità messicane. Quei pazienti dovrebbero essere isolati, non fatti circolare in aeroporto” – ha affermato Bukele, dopo aver chiesto ai passeggeri di non salire a bordo dell’aeromobile. Il presidente del paese mesoamericano ha annunciato che consentirà l’atterraggio di aerei cargo solo dopo aver decretato una quarantena preventiva di 21 giorni lo scorso mercoledì. L’aereo, della compagnia aerea colombiana Avianca, avrebbe dovuto lasciare Città del Messico alle quattro del pomeriggio e arrivare nella capitale salvadoregna alle 18:55. “Non è stato imbarcato e i passeggeri vengono debitamente informati” – ha riferito la compagnia aerea, dopo aver annullato il volo. Ciò che è iniziato come una spaccatura su un volo commerciale si è intensificato in quello che dipinge come un conflitto diplomatico tra i due paesi.

“Presidente Bukele: il volo Avianca da lei menzionato è stato cancellato perché tutti i voli per San Salvador sono stati sospesi. Potresti condividere con noi quali sono i 12 casi di coronavirus che hai citato e dove sono stati confermati? Lei è responsabile in questo e in ogni altro caso” – ha risposto il ministro degli esteri messicano, Marcelo Ebrard, su Twitter, senza nascondere il fastidio per i toni utilizzati da Bukele. Fonti del ministero degli estero messicano assicurano di aver contattato membri della diplomazia salvadoregna e di non aver avuto risposta sull’origine e sulla ragione delle accuse di Bukele.

L’allerta sanitaria, desunta dai messaggi, proveniva dallo stesso Bukele. In un tweet, la compagnia Avianca ha ringraziato Bukele per aver dato loro le informazioni su un infetto “che tentava di salire a bordo del volo 431”. Ciò che il Ministero degli Esteri messicano si domanda è come il presidente di El Salvador abbia appreso dei casi in Messico, anche prima dell’aeroporto e delle autorità sanitarie locale.

La risposta di Bukele al ministro Ebrard è stata un’altra protesta per la decisione messicana di concedere asilo diplomatico a Sigfrido Reyes, ex leader del Fronte di Farabundo Martí per la liberazione nazionale, accusato di corruzione. Il presidente ha assicurato che l’asilo è stato concesso per “ragioni ideologiche”. Ebrard ha risposto con ironia. “Presidente, abbiamo verificato i passeggeri del volo Avianca e posso confermare che sono sani. L’autorità sanitaria non ha trovato i coronavirus, inclusi i 12 giovani salvadoregni che indossavano maschere per il viso. Cordiali saluti” – ha concluso il cancelliere.

El Salvador, che non ha registrato casi di Covid-19 secondo i rapporti internazionali, è il più importante centro di operazioni aeree in America Centrale e una sosta regolare sui voli che collegano il Nord e il Sud America.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.