Coronavirus: Cuba accoglie crociera britannica respinta dalle Antille minori

Pubblicato il 18 marzo 2020 alle 12:24 in Cuba UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli esteri britannico Dominic Raab ha ringraziato il governo cubano per aver consentito l’attracco di una nave da crociera britannica con a bordo casi di COVID-19 e per aver contribuito al rimpatrio dei suoi passeggeri e del suo equipaggio.

“Ho parlato due volte durante il fine settimana con il ministro degli Esteri cubano e siamo molto grati al governo cubano per aver consentito rapidamente questa operazione e per la sua stretta collaborazione per garantirne il successo” – ha affermato Raab in Parlamento martedì 17 marzo.

Il capo della diplomazia britannica si riferiva al caso della MS Braemar, una nave da crociera gestita dalla compagnia Fred Olsen Cruise Line, alla quale fu negato il permesso di attraccare da diversi paesi dei Caraibi dopo che sono stati rilevati a bordo diversi casi del nuovo coronavirus.

A questo proposito, Raab ha ribadito che il Regno Unito collabora intensamente con le autorità cubane per garantire che tutti i cittadini britannici possano tornare nel loro paese in modo rapido e sicuro. “Stiamo facendo tutto il possibile per garantire che tornino nel paese con voli che decolleranno dall’aeroporto internazionale José Martí dell’Avana nelle prossime 48 ore” – ha affermato.

La compagnia proprietaria della nave da crociera ha riferito, da parte sua, che alle 15:00 ora locale nel Regno Unito, la MS Braemar si trovava a cinque miglia nautiche dalla capitale cubana e che una volta che gli aerei in cui saranno evacuata i passeggeri saranno atterrati a Cuba, la nave attraccherà.

La Fred Olsen Cruise Line ha aggiunto che tutte le persone idonee a viaggiare torneranno nel Regno Unito da mercoledì pomeriggio, mentre coloro che non sono in grado di farlo a causa del loro stato di salute, potranno ricevere cure mediche a Cuba.

Secondo la compagnia di navigazione, sulla nave, che trasporta un migliaio di persone, ci sono 25 turisti, 27 membri dell’equipaggio e un medico in isolamento, poiché presentano sintomi simili all’influenza, e di questi, cinque sono risultati positivi al Covid-19 a seguito di test che sono stati svolti a Curaçao. 

Lunedì 16 marzo, riferendo della decisione di Cuba di consentire l’ingresso della nave da crociera, il ministro degli Esteri Bruno Rodríguez ha sottolineato che il Paese risponde a un’emergenza sanitaria in cui potrebbe esserci un rischio per la vita dei malati. 

Tra i paesi che avevano negato l’attracco alla MS Braemer, oltre a numerose Antille minori, le Bahamas, Barbados, la Repubblica dominicana e Puerto Rico.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.