Thailandia: attentato esplosivo nel Sud a maggioranza islamica

Pubblicato il 17 marzo 2020 alle 18:41 in Asia Thailandia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due bombe sono esplose in un ufficio governativo della provincia meridionale thailandese di Yala, a maggioranza musulmana, mentre centinaia di funzionari locali e studiosi si stavano incontrando per discutere le misure contro il COVID-19. Almeno 20 persone ferite. 

Le esplosioni si sono verificate di fronte al Southern Administrative Provinces Administrative Center (SBPAC), un ente governativo thailandese che sovrintende all’amministrazione delle 3 province a maggioranza malese-musulmana di Narathiwat, Pattani e Yala. “La prima bomba è stata una granata lanciata da fuori verso l’ufficio SBPAC per attirare le persone”, ha affermato il colonnello Pramote Prom-in, un portavoce della sicurezza regionale militare. “Quindi, un’autobomba, situata a circa 10 metri dalla prima detonazione, è esplosa. È stata nascosta in un camioncino che gli aggressori hanno parcheggiato vicino al recinto”, ha aggiunto. L’autobomba è detonata 10 minuti dopo la prima esplosione e tra i feriti ci sono 5 giornalisti, 5 agenti di polizia, 2 soldati e altri passanti, ha riferito Pramote. Non vi è stata alcuna rivendicazione immediata di responsabilità dell’attentato. 

Le province thailandesi di etnia malese-musulmana di Yala, Pattani e Narathiwat sono interessate da una campagna separatista che ha causato la morte di quasi 7000 persone, dal 2004 ad oggi. La popolazione di queste province, che apparteneva a un sultanato musulmano malese indipendente, prima dell’annessione della Thailandia nel 1909, è composta per l’80% da musulmani, mentre il resto del Paese è prevalentemente buddista. La regione vive sotto legge marziale, è pesantemente controllata dai militari e talvolta da volontari civili. I residenti e i gruppi per la tutela dei diritti umani li accusano di usare eccessivamente la forza. In tale contesto, alcuni gruppi ribelli nel Sud lottano per stabilire uno Stato indipendente. Polizia, insegnanti e altri rappresentanti del governo sono spesso bersagli della loro violenza.

Ad agosto 2019, le autorità hanno arrestato un gruppo di individui che hanno fatto esplodere una serie di piccoli esplosivi a Bangkok, ma non hanno incolpato direttamente nessun gruppo armato. “Dal 2004, questi attacchi si sono intensificati. Sono diventati molto più coordinati e più imponenti”, aveva dichiarato un corrispondente di Al Jazeera, da Bangkok. Ci sono diversi gruppi che operano in questa area, il più grande si chiama Barisan Revolusi Nasional o BRN. Questo si cela dietro la maggior parte delle violenze nel Sud del Paese, supportando una rivolta contro le forze armate, che il gruppo accusa di tortura e violazioni dei diritti umani. Da parte loro, le autorità thailandesi sostengono che non ci siano prove a tale proposito. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.