Coronavirus: Cuba pronta a inviare medici in Italia

Pubblicato il 16 marzo 2020 alle 9:31 in Cuba Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

“Condividiamo con il popolo italiano l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del nuovo coronavirus. Seguiamo attentamente le informazioni ufficiali sulla sua evoluzione in Italia e anche a livello internazionale. Sia l’Ambasciata cubana a Roma che il Consolato Generale cubano a Milano hanno adottato le misure necessarie per prevenire e contribuire al contenimento della trasmissione del virus, in linea con gli enormi sforzi e le indicazioni delle autorità politiche nazionali e locali, delle autorità sanitaria e della protezione civile d’Italia” – inizia con queste parole il comunicato ufficiale dell’Ambasciata cubana in Italia con cui l’Isola si impegna a fianco del nostro paese nella lotta al COVID-19.

“Come abbiamo rivelato, i primi casi positivi a Cuba sono già stati rilevati. È una pandemia che trascende qualsiasi confine e con una visione globale dobbiamo affrontarla. A Cuba, vengono prese le misure pertinenti per contenere le affezioni umane e in altri piani derivati dalla diffusione del virus che causa il COVID19. Allo stesso tempo, abbiamo dimostrato la nostra disponibilità per la collaborazione internazionale, quale sempre è stata la nostra posizione, dimostrata in più occasioni precedenti, come nel confronto diretto del personale medico cubano con l’Ebola in Africa” – continua il comunicato della legazione diplomatica cubana.

Nei giorni scorsi, sia l’Associazione Nazionale per l’Amicizia Italia-Cuba (ANAIC), sia il Coordinatore Nazionale dei Residenti Cubani in Italia (CONACI) hanno contattato le autorità italiane per valutare la possibilità di richiedere un contributo da Cuba, con personale medico e con l’interferone cubano antivirale Alfa 2 B, che è stato utilizzato contro il COVID-19 in Cina.

Giulio Gallera, assessore per la salute e il benessere della Regione Lombardia, ha informato pubblicamente, sabato 14 marzo 2020, di aver richiesto assistenza medica a Cuba.

“È mio dovere confermare che abbiamo effettivamente ricevuto una lettera dal sig. Gallera, che formalizza la richiesta di avere personale cubano specializzato nella gestione delle malattie trasmissibili. Tale lettera è stata debitamente inoltrata dall’ambasciata cubana in Italia alle autorità cubane competenti, con le quali restiamo in contatto per tali scopi. Siamo inoltre in contatto diretto con il sig. Gallera e l’ambasciata cubana a Roma terrà informata l’opinione pubblica sul corso e sui risultati di questa richiesta” – scrive l’ambasciatore cubano a Roma José Carlos Rodríguez Ruiz.

L’ambasciatore di Cuba esprime “profondo dispiacere per l’elevata morbosità e mortalità che COVID19 sta causando in Italia, per la perdita di vite umane, per la dura e brusca alterazione della società italiana in queste circostanze e per i danni economici collaterali”.

“In questo momento, con un senso di impegno umano, ribadiamo la nostra solidarietà con l’Italia. Siamo fiduciosi che il popolo italiano vincerà e supererà questo momento difficile” – continua la nota dell’ambasciatore Rodríguez Ruiz, che conclude ribadendo la disponibilità di Cuba a contribuire allo sforzo dell’Italia.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di spagnolo

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.