Coronavirus, Portogallo: governo proclama stato di emergenza

Pubblicato il 13 marzo 2020 alle 10:11 in Europa Portogallo

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministero degli Affari interni e il Ministero della Salute del Portogallo proclamano ufficialmente oggi, venerdì 13 marzo, “lo stato di emergenza in tutto il paese, mettendo i mezzi della protezione civile e le forze di sicurezza e i servizi in allerta” a causa del coronavirus.

Durante una pausa del lungo consiglio dei ministri che ha deciso le misure da adottare, il Primo Ministro, António Costa ha incontrato i rappresentanti dei partiti di maggioranza e opposizione. Al termine della seduta-fiume, attorno all’una di mattina, sono state annunciate le misure adottate dal governo per far fronte al nuovo coronavirus.

Oggi, il Ministro dell’amministrazione interna e il Ministro della sanità dichiareranno lo stato di allerta in tutto il paese, mettendo a disposizione i mezzi della protezione civile e le forze di sicurezza e i servizi” – ha affermato il Ministro della Presidenza, Mariana Vieira da Silva. 

In precedenza, il governo portoghese aveva annunciato la chiusura di scuole e università su tutto il territorio nazionale a partire da lunedì 16 marzo. I lavoratori che non possono fare il telelavoro a causa della chiusura delle scuole avranno diritto a un sostegno che garantisce il 66% della retribuzione, ha annunciato il ministro del Lavoro, Ana Mendes Godinho, affermando che i giorni di lavoro persi saranno trattati come “congedo per malattia”. 

La dichiarazione del governo afferma che questo 66% si applica allo stipendio base, esclusi altri sussidi o supplementi che spesso rappresentano una parte importante della remunerazione totale. Il 33% sarà a carico del datore di lavoro, l’altro 33% a carico della previdenza sociale.

Il governo ha approvato inoltre l’assunzione di medici in pensione, senza limiti di età, e la sospensione dei limiti agli straordinari del personale medico e paramedico per far fronte alla pandemia di Covid-19. Le misure servono a “garantire lo stato di prontezza” del Servizio sanitario nazionale (SNS), afferma un comunicato del Consiglio dei ministri. Oltre a queste due misure, il governo ha approvato per il SNS la semplificazione delle assunzioni dei lavoratori e la mobilità dei lavoratori.

L’elenco delle misure varate dal governo Costa include il regime di eccezionalità per l’acquisto di servizi da parte di organismi, agenzie, servizi ed entità del Ministero della Salute e la composizione di commissioni mediche per la valutazione delle persone con disabilità. Il governo ha inoltre approvato un regime di prevenzione per i professionisti del settore sanitario direttamente coinvolti nella diagnosi e nella risposta specializzata in laboratorio.

In una dichiarazione al paese, giovedì sera, António Costa ha annunciato che le scuole di ogni ordine e grado sospenderanno le attività in classe a causa del Covid- 19 a partire da lunedì. Costa ha annunciato inoltre la chiusura delle sale da ballo e delle discoteche, la riduzione di un terzo della capacità massima dei ristoranti, l’ingresso limitato a un numero persone compatibile con le distanze di sicurezza nei centri commerciali, nelle piscine, nelle palestre e negli uffici pubblici e il divieto di sbarco dei passeggeri delle crociere. Le udienze sono sospese, fatta eccezione per quelle urgenti. Costa ha decretato infine l’apertura di linee di credito separate per le imprese e per gli operatori nel settore del turismo, rispettivamente da 200 e da 60 milioni di euro.

Ad oggi in Portogallo sono stati registrati 78 casi di positività al nuovo coronavirus.

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di portoghese

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.