Malawi: arrestati i promotori delle proteste anti-governative

Pubblicato il 12 marzo 2020 alle 14:15 in Africa Malawi

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

In Malawi, un importante attivista politico, Timothy Mtambo, ha deciso di consegnarsi alla polizia dopo che questa ha emesso un mandato di arresto nei suoi confronti per aver incoraggiato le proteste antigovernative dellultimo mese. Luomo, leader della Coalizione dei difensori dei diritti umani (HRDC), era ricercato dalle autorità da domenica 8 marzo, quando altri due attivisti, Gift Trapence e MacDonald Sembereka, sono stati arrestati.

LHRDC supporta molte delle proteste che scuotono il Paese dalle elezioni presidenziali dello scorso anno, fortemente contestate, chiedendo le dimissioni degli alti membri della Commissione elettorale per mala gestione dei voti. Alle votazioni del 21 maggio 2019 era risultato vincitore lattuale presidente Peter Mutharika. Il mese scorso, la Corte costituzionale del Malawi ha annullato i risultati del voto, accusando le autorità di diffuse irregolarità e ordinando che si svolgessero nuove elezioni entro 150 giorni. Da allora, il Parlamento ha approvato la data del 19 maggio come prossimo appuntamento elettorale, ma Mutharika, che ha già fatto ricorso contro la sentenza che ha annullato la sua vittoria elettorale, non ha ancora firmato i decreti.

Gli attivisti arrestati hanno invitato tutti i loro sostenitori a marciare verso la residenza ufficiale del presidente, il 25 marzo, qualora Mutharika non decidesse di rivedere il suo atteggiamento entro quella data. Rivolgendosi ai suoi seguaci durante un comizio organizzato nel fine settimana, il presidente ha avvertito gli attivisti di interrompere le manifestazioni. “Attenzione, il vostro tempo è scaduto, la festa è finita”, ha detto domenica. Qualche ora dopo, Trapence e Sembereka sono stati arrestati e la polizia ha iniziato la caccia nei confronti di Mtambo, che si è arreso, mercoledì 11 marzo, mentre migliaia di attivisti marciavano per le strade della capitale, Lilongwe, in suo sostegno.

La nazione dovrebbe essere informata del fatto che la sezione124 del codice penale proibisce a ciascuna persona di incitare o sollecitare unaltra ad infrangere la legge, si legge in una dichiarazione rilasciata dallufficio dellispettore generale. “Incitando le persone a circondare le residenze statali il 25 marzo 2020, i tre hanno commesso un reato ai sensi della sezione 124 del codice penale”, ha aggiunto.

In una dichiarazione pubblicata lunedì 9 marzo, lONG Amnesty International ha condannato gli arresti definendoli “profondamente preoccupanti”. “Molti difensori dei diritti umani sono stati sottoposti a minacce”, ha dichiarato Deprose Muchena, direttore di Amnesty International per l’Africa orientale e meridionale. “Le autorità del Malawi devono rilasciare immediatamente e incondizionatamente gli attivisti detenuti. Devono smettere di minacciare, molestare e intimidire i difensori dei diritti umani e consentire loro di esercitare liberamente i propri diritti”, ha aggiunto.

Il governo, da parte sua, ha respinto tutte le accuse. “Non c’è nulla di politico nell’arresto degli attivisti. Hanno infranto la legge”, ha dichiarato Mark Botomani, ministro delle informazioni e portavoce del governo. “Nessuno è al di sopra della legge e anche se si definiscono Coalizione dei difensori dei diritti umani, non sono al di sopra della legge”, ha specificato il ministro.

Il Malawi ha conquistato l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1964 e, dopo un iniziale periodo di stabilità economica e sociale, alimentato in parte dalle vendite di tè e tabacco, ha visto il debito del governo salire e la povertà aumentare. Attualmente, degli oltre 18 milioni di abitanti del Paese, circa i tre quarti vive sotto la soglia di povertà, vale a dire con meno di 1,25 dollari americani al giorno. La ricchezza, frutto principalmente all’attività agricola, è concentrata nelle mani delle élite dominanti.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Chiara Gentili

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.