Coronavirus: UE e Cina pronte ad aiutare l’Italia

Pubblicato il 10 marzo 2020 alle 18:49 in Cina Europa Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro italiano, Giuseppe Conte, ha avuto un vertice telefonico con i presidenti della Commissione Europea, Ursula Von Der Leyen, e del Consiglio Europeo, Charles Michel, sul coronavirus. Intanto, il ministro degli Esteri di Roma, Luigi Di Maio, ha annunciato l’arrivo di medici e mascherine dalla Cina. 

È quanto emerso nella giornata di lunedì 10 marzo, quando nel frattemposecondo la rilevazione delle ore 17:00, i contagi accertati in Italia sono diventati 10.149, di cui 631 morti e 1.004 guariti. 

Per quanto riguarda l’Unione Europea, il Governo italiano ha rivelato i dettagli dei vertici telefonici avuti con i presidenti delle istituzioni europee. Nello specifico, nel corso del colloquio con Von der Leyen, Conte ha concordato la promozione di un rafforzato coordinamento europeo nella gestione dell’emergenza legata al coronavirus, al fine di consentire al più presto maggiore efficacia nelle risposte date dai Paesi membri, ormai tutte colpite dal virus. In aggiunta, il presidente dell’esecutivo di Bruxelles ha annunciato il vertice in videoconferenza in programma per l’11 marzo, il quale riguarderà le misure adottate dall’Italia e del sostegno che può giungere dall’Europa. 

In maniera simile, anche nel corso del colloquio telefonico con Michel, il quale si è tenuto in vista della teleconferenza tra i rappresentanti di tutti gli Stati membri, è stata espressa una comunione d’intenti per quel che riguarda la necessità di rafforzare il coordinamento a livello europeo. Ciò, ha spiegato il Governo, vale sia in riferimento alle misure volte a contrastare la diffusione del virus, sia alle risposte economiche che devono essere assicurate a livello europeo. 

Nel frattempo, rivela ANSA, entrambi i leader hanno espresso il proprio sostegno alle misure adottate dal Governo di Roma in risposta all’emergenza di cui è teatro l’Italia. 

Simili parole sono state espresse anche dal Commissario UE per la concorrenza, Margrethe Vestager, la quale, ripresa da ANSA, ha annunciato la disponibilità del proprio ufficio a individuare ulteriori misure volte a rimediare alle difficoltà economiche, in linea con l’articolo 107.3 del Trattato, il quale regola gli aiuti concessi agli Stati membri. 

Anche la Cina si è mostrata disponibile ad aiutare il Governo italiano a fronteggiare l’epidemia di coronavirus. Nello specifico, ANSA ha riportato l’annuncio di Di Maio, il quale, in seguito al vertice telefonico avuto con il suo omologo cinese, Wang Yi, ha rivelato il prossimo arrivo di oltre 2 milioni di mascherine per il viso e circa 10.000 ventilatori polmonari. Pechino, inoltre, ha aggiunto Di Maio, è pronta a inviare altre 100.000 mascherine ad alta tecnologia e circa 20.000 camici protettivi, insieme a circa 50.000 nuovi tamponi. 

In aggiunta, secondo le dichiarazioni di Di Maio rilasciate nel pomeriggio del 10 marzo, la Cina invierà anche squadre mediche specializzate, le quali potranno portare la loro esperienza nella gestione dell’emergenza coronavirus. 

Intanto, aumentano le restrizioni imposte dai Paesi confinanti con l’Italia. Nella giornata del 10 marzo, l’Austria, la quale ha 182 casi confermati, ha annunciato l’introduzione di nuovi confini alla frontiera e la decisione di non consentire l’ingresso nel Paese ai cittadini provenienti dall’Italia.  

A dare l’annuncio è stato il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, il quale ha specificato che le uniche eccezioni riguarderanno i trasportatori di merci, i cittadini in possesso di un certificato di salute, o coloro che transiteranno per l’Austria senza tuttavia fermarsi nel Paese. 

Nella stessa giornata, anche la Slovenia, nella persona del premier, Markan Sarec, ha confermato la chiusura dei propri confini con l’Italia, Tale misura, ha spiegato il primo ministro, si ispira a quanto portato avanti da Vienna e, dunque, non sarà valida per i trasportatori di merci. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale   

Jasmine Ceremigna 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.