Bolsonaro e Trump: grande sintonia tra Brasile e Stati Uniti

Pubblicato il 10 marzo 2020 alle 6:30 in Brasile USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Donald Trump ha ricevuto dallo scorso fine settimana fino a martedì 10 marzo, in Florida, il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, nella località di villeggiatura di Mar-a-Lago, che il presidente degli Stati Uniti ama definire come “la Casa Bianca del sud “. Questo è il primo incontro tra i due leader da quando Trump ha annunciato, nel dicembre dello scorso anno, di nuove tariffe per l’acciaio e l’alluminio brasiliani. Il presidente brasiliano ha assicurato che Trump non darà seguito alla sua minaccia, ma lo statunitense non la ha ancora formalmente ritirata.

I due leader, secondo una dichiarazione della Casa Bianca resa nota sabato 7 marzo poche ore prima del vertice e che non menziona le tariffe annunciate, “discuteranno delle opportunità per costruire un mondo più democratico, prospero e sicuro”. Trump e Bolsonaro hanno discusso inoltre della crisi umanitaria ed economica in Venezuela e della situazione in Medio Oriente. 

La crisi in Venezuela è una priorità dell’amministrazione Trump in America Latina. Il Brasile si è allineato con la strategia di Washington di totale isolamento nei confronti del governo di Nicolás Maduro, e questa settimana il governo del Brasile ha ordinato il ritiro di tutti i suoi diplomatici di stanza in Venezuela. I due leader hanno ribadito il sostegno al presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana Juan Guaidó.

Per Bolsonaro, il viaggio sarà un’occasione per incontrare uomini d’affari in cerca di investimenti che possano aiutare il Brasile a migliorare le prospettive economiche. Le autorità brasiliane hanno riconosciuto che la crescita economica è rallentata all’1,1% l’anno scorso (rispetto all’1,3% nel 2018 e nel 2017) e che la minaccia di un rallentamento globale causata dalla crisi del coronavirus potrebbe confondere ulteriormente l’orizzonte di un’economia che non si è appena ripresa dopo la grave recessione del 2015 e del 2016.

La cena dello scorso sabato è il primo appuntamento nell’agenda di quattro giorni in Florida, che include una visita domenica, nella città di Doral, al Comando meridionale dell’Esercito degli Stati Uniti, che coordina le operazioni militari nei Caraibi e in America centrale e meridionale. Bolsonaro ha firmato un “accordo di progetto di ricerca” per “condividere informazioni nello sviluppo di nuove capacità di difesa” con la difesa USA. Lunedì 9 marzo, si è tenuto un incontro con uomini d’affari di entrambi i paesi, per esporre le opportunità commerciali offerte dal Brasile, e oggi, martedì 10, il presidente del gigante sudamericano visiterà lo stabilimento del costruttore di aeromobili brasiliano Embraer a Jacksonville. Il governo brasiliano ha riferito che il presidente Bolsonaro incontrerà membri della comunità brasiliana della Florida, composta da circa 400.000 persone.

L’incontro tra i due presidenti ha luogo un anno dopo che Trump ha ricevuto Bolsonaro alla Casa Bianca, occasione in cui i due leader hanno dimostrato ottima sintonia. Entrambi i politici condividono lo stesso stile di conservatorismo populista, e Bolsonaro ha basato la sua fortunata campagna del 2018 sulla falsariga di quella che ha portato Trump alla Casa Bianca nel 2016. Il presidente brasiliano non nasconde l’ammirazione per la sua controparte americana e gli piace che critici e ammiratori lo abbiano definito come “il Trump dei tropici”. Trump, nel frattempo, ha espresso spesso parole di elogio per le politiche di Bolsonaro e non si è unito alle critiche di molti leader occidentali per la sua gestione degli incendi che hanno colpito la regione amazzonica l’anno scorso, anzi, ha sostenuto la correttezza della linea del governo di Brasilia.

La grande sintonia tra Trump e Bolsonaro rinsalda l’alleanza tra i due principali paesi del continente americano.

 

 

Leggi Sicurezza Internazionale il solo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Italo Cosentino, interprete di portoghese e spagnolo

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.